scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
11/09/2021

Miur, appalti corrotti per 23 milioni

Il Fatto Quotidiano - Vincenzo Bisbiglia

LA RETE AL MINISTERO IL CASO VESTITI, SOLARIUM E MERCEDES: LE " UTILITÀ " PAGATE DALL ' EDITORE DELL ' AGENZIA DIRE (ARRESTATO)
Pagamenti in contanti, bonifici e regalie varie (per un totale di circa 500 mila euro) " in cambio " di affidamenti diretti e informazioni utili a vincere i bandi ministeriali. Per la Procura di Roma, Federico Bianchi di Castelbianco - imprenditore ed editore dell ' agenzia di stampa D i re - si muoveva con tale " d i s i nv o l t u ra " in alcuni uffici del ministero dell ' Istruzione che ad aprile scorso aveva perfino ricevuto il " compito " di " ripartire i finanziamenti alle sc uole " perquasi 62 milionidi euro. Iltutto, " conla futuraassegnazione a suo vantaggio di una quota par te " , pari a 8 milioni di euro. Bianchi da ieri è in carcere per corruzione: partecipava anche alle riunioni di riservate del Miur, organizzate da Giovanna Boda, ex dirigente ministeriale e ideatrice della " nave della legalità " , anche lei indagata per corruzione.Ai domiciliari due collaboratori di Boda, la segretaria Valentina Franco e l ' au tista personale Fabio Condoleo. Per i pm romani, le società di Bianchi di Castelbianco negli ultimi tre anni avrebbero vinto gare e ottenuto dal Miur l ' assegnazione di progetti e servizi per 23 milioni e 537 mila euro, di cui 17,4 milioni sono stati già corrisposti. Nell ' elenco degli investigatori figurano una ventina di pagamenti, promesse di dazioni di denaro e benefit vari chel ' imprenditore avrebbe assicurato alla dirigente Boda, allora Capo del dipartimento per le risorse umane, finanziarie e strumentali. Fra questi, ricariche di Postepay, camere d ' hotel, acquisti presso negozi d ' a bbi gli am ent o, scuola di sci, solarium, noleggio di auto (Mercedes) e buste con contanti. " Ut i l i t à " che per gli inquirenti l ' editore avrebbe concesso alla dirigente ministeriale anche promettendo l ' assunzione presso le sue aziende di alcune persone segnalate .A beneficiaredel presunto " rapporto corruttivo " , le società " Com.E. Comunicazione & Editoria srl "- che controlla l ' agenzia Dire - destinataria di un " ingius to p r o fi tt o " per 6,1 milionidi euro; la " Istituto di Ortofonologia srl " , che avrebbe incassato " indebitamen t e " 9 milioni di euro; la " Ed i zi on i Scientifiche Ma.Gi. srl " destinata ria di 945mila euro. Le cinque società sono indagate. NELLE CARTE DELL ' I NCHIESTA, an che l ' email ricevuta dall ' editore il 5 ottobre 2020, contenente la bozza del bando " prima della sua pubblica zion e " per il finanziamento di progetti scolastici per il contrasto alla povertà educativa. Dal carteggio, i pm evincono che Boda avrebbe anche " recepito le richieste di modifica da parte dell ' imprendi tore, consistite nell ' aumento del tetto massimo di spesa definito per ciascuna delle due linee progettuali " . Il 14 aprile, giorno successivo alle perquisizioni della Finanza e alla notizia finita sulla stampa, Giovanna Boda aveva tentato il suicidio gettandosi dal balcone di uno studio legale. Nonostante questo " gesto estremo " , scrive il gip, " Bian chi ha continuato a mantenere rapporti privilegiati ed affaccendati all ' interno del Dipartimento del Ministero " , con " la preziosa collaborazione di Franco e Condoleo " . " C ' avete i telefoni sotto controllo come cazzo ve lo devo dire e c ' ho pure il mio, mo basta " , diceva l ' im prenditoreintercettato: " Vi voglio proteggere, proteggo anche voi in questo modo, non è che proteggo solo me stesso " , affermava. Ieri Boda - che ha subito il sequestro preventivo di 340 mila euro - t ra m i t e il suo legale, Giulia Bongiorno, ha assicurato: " Ho sempre servito lo Stato con rigore e onestà " . LA DIRIGENTE S IMBOLO DI LEGALITÀ IERI l ' imprenditore ed editore d e l l ' agenzia " D i r e " è finito in carcere. L ' accusa è di aver corrotto Giovanna Boda, ex dirigente m i n i st e r i a l e e ideatrice della " nave della legalità " ora indagata. Per i pm, Bianchi avrebbe ottenuto l ' assegnazione di progetti e servizi per circa 23 milioni dal ministero in cambio di regalie varie

Foto: Federico Bianchi di Castelbianco