scarica l'app
MENU
Chiudi
27/11/2019

Mistretta, strade semibuie e il Natale sembra lontano

Gazzetta del Sud - Enzo Lo Iacono

L' appalto della pubblica illuminazioneè scaduto
Dalla piazzetta del Municipio alle vie del castello Non va meglio nei due quartieri G ianc avalie re e S. Panteleo, che sono rischiaratia tratti
MISTRET TA Un paese al buio. Il buio, sensazione sgradevole peri bambini, triste per gli anzianie per gli ammalati,e più in generale per quanti dopo l'imbrunire devono percorrere strade, piazzee viuzze periferiche senza che un lampione della pubblica illuminazione rischiari le teneb re. È ormai da mesi che la cittadina convive con queste condizioni- chiamiamole pure di disagio- cui nessuno riescea dare"sol uzioni" per far sì che la sera chi deve rientrarea casa non sia obbligatoa far ricorso alle pile tascabili (quelle di una volta) oggi sostituite dalle torce dei telefonini. La scorsa domenica sera piazza Vittorio Venetoè così piombata in un'atmosfera da fiaba notturna, una volta spente le luci del santuario della Madonna dei Miracoli. Persino la piazzetta antistante al municipio al buio. «Sono da più di cinque giorni che si va avanti in questo modo, sono sfiduciato, arrabbiato, al limite delle imprecazioni» così si è espresso il titolare di un' attività comme rciale. Raggiungere le viuzze della zona Castelloè diventato un serio problema. Non va meglio nei quartieri Giancavalieree San Pantaleo che da mesi usufruiscono della pubblica illuminazione soltanto «a tratti». L'elenco delle strade che piombano dopo il tramonto nella totale oscuritàè più che lungo, senza voler esageraree senza togliere nullaa qualche fortunato quartiere in cui le strade sono illuminate. Un guasto? Niente di tutto questo. Più semplicemente una gara d'appalto scaduta. Qualcuno, rientrando in città, ha forse pensato che si stessero per attivare (fondi in cassa permettendo) nuove luci per ricreare in qualche modo le atmosfere natalizie. Ripercorre l'iter di una gara d'appalto sembra persino inutile come sciorinare impegnie promesse. Una volta era il sindacoa venire bacchettato. «E magari fosse la sola luce- si accanisce un pensionato che vuole rimarcare la gravità- potremmo anche accettare questo disagio». «È il contorno che manca», fanno coro altri. Di questo passo «Mistretta scomparirà...». Altra chicca da"capi re"? Stanno cominciando ad essere recapitate bollette del servizio idricoe il Comune richiede il pagamento relativo agli ultimi tre anni. «Perché non non sono state emesse annualmente?» si domanda il povero utente.A Mistretta siè alla ricerca di «qualcuno che ci illumini, ma non «d'immenso» come scriveva il poeta, ma di luce vera,e che faccia brillare la citt à.

Foto: Semioscurità poco natalizia Ci si affida alla luce della chiesa madre finchéè possibile