MENU
Chiudi
15/10/2018

Mezzo miliardo per le assunzioni Ma sul condono l’intesa non c’è

Gazzetta di Mantova - Paolo Baroni

Atteso per oggi l'ok alla manovra. Prima un nuovo vertice Posti in polizia e magistratura, aumenti a medici e infermieri
Paolo Baroni / roma«Dobbiamo assolutamente trovare un punto di equilibrio» aveva annunciato in mattinata da Milano il premier Giuseppe Conte. Che per serrare i ranghi ha poi convocato un po' a sorpresa per le 19 un pre-consiglio in modo da rivedere gli ultimi dettagli del decreto fiscale e della legge di bilancio che approderà oggi al consiglio dei ministri. Il nodo più delicato, quello della pace fiscale, al centro dell'ennesima contesa tra Lega e 5 Stelle, però non potrà che essere sciolto oggi nel corso di un vertice di maggioranza che precederà la riunione collegiale del governo. Ancora ieri il sottosegretario leghista ai Trasporti Armando Siri, infatti, insisteva nel fissare a un milione di euro la soglia per accedere alla pace fiscale, un importo che «spalmato su 10 anni è una misura che interessa le piccole imprese e non certo i grandi evasori», ha tenuto a precisare. I 5 Stelle si fermano molto prima, a quota 100 mila, e al massimo accettano di salire a 200 mila. Per chiudere la Lega potrebbe anche rinunciare alle tre aliquote promesse in campagna elettorale (6, 10 e 25% a seconda delle condizioni di reddito del contribuente moroso) e indicarne una sola, quella più alta.Ma una decisione del genere è prettamente politica, la devono prendere Di Maio e Salvini (che però ieri sera non erano al vertice a palazzo Chigi) assieme a Conte e Tria. Gli altri interventi del pacchetto fiscale, nonostante i dubbi dei tecnici che segnalano problemi di copertura, sono invece definiti. Come è definita la parte delle semplificazioni fiscali. Si va dalla cancellazione automatica delle cartelle esattoriali sino a 1000 euro (multe, tasse rifiuti, ecc.) alla rottamazione-ter con un allungamento dei pagamenti sino a 5 anni, dalla definizione agevolata estesa anche a dazi ed Iva sino ad uno sconto consistente sugli importi legati alle liti tributarie (si paga il 50% se si è vinto in primo grado ed il 30% se si ha avuto successo anche in secondo grado). In questo decretone verranno inserite poi altre misure di rilievo: ci sarà il taglio delle pensioni d'oro sopra i 4500 euro, in modo tale da ricavare «1 miliardo di euro di risparmi - ha spiegato Di Maio in tv - e aumentare a 780 euro l'assegno mensile a favore di 200mila persone che oggi percepiscono la pensione minima». E poi verrà varato un grande piano di semplificazioni, a partire dal Codice degli appalti, indispensabile per accelerare gli investimenti, saranno stanziati fondi per i contratti della sanità (284 milioni) mentre 500 milioni andranno ad un piano straordinario di assunzioni di poliziotti e magistrati e personale amministrativo, e quindi verrà costituita una task force col compito di analizzare in dettaglio la qualità di tutta la spesa pubblica. Già fissati alcuni obiettivi a partire da auto blu, voli di Stato e scorte. Oltre ai vitalizi dei consiglieri regionali: le Regioni che non li cancellano verranno punite con un taglio dei trasferimenti. Piano semplificazioneParte un grande piano di semplificazione della burocrazia. In particolare viene semplificato il Codice degli appalti (per rendere più veloci gli investimenti), estesa la compensazione debiti/crediti con la pubblica amministrazione, ridotti oneri e burocrazia per l'avvio delle start-up, abolito l'obbligo di invio dei certificati già in possesso della Pa, accelerati i tempi per la nascita di società di capitali, eliminati i registri "burro" e "zucchero" per le imprese alimentari, semplificate le procedure per riqualificare gli impianti eolici, l'utilizzo di impianti di cogenerazione e la disciplina delle attività di tinto-lavanderia.Pensioni tagliate sopra i 4.500 euroVerrà eliminata la quota delle pensioni sopra i 4.500 euro netti che non corrisponde ai contributi effettivamente versati, prevedendo in alternativa il blocco delle rivalutazioni di queste pensioni. Ieri Di Maio ha spiegato che con questo intervento verrà recuperato 1 miliardo di euro da destinare agli assegni più bassi. stop ai pignoramenti per lo statoMai più case pignorate per colpa dello Stato: col varo della legge Bramini, che prende il nome dall'imprenditore fallito per colpa dello Stato, «viene dato più tempo agli imprenditori per pagare i loro debiti e viene tutelato il loro diritto a non vedersi sbattuti fuori dalla loro abitazione». Per il governo «un'ingiustizia» prodotta dalla legge Boschi, che ora verrà abrogata, e che «non si dovrà mai più ripetere». In particolare il provvedimento d'ora in poi impedirà che gli imprenditori che vantano crediti mai pagati dallo Stato vengano aggrediti dalle banche che pignorano le loro case. MEZZO MILIARDO PER LE ASSUNZIONIStanziati 500 milioni di euro per un grande piano di assunzioni di poliziotti, magistrati e personale amministrativo. L'obiettivo del governo, con questo intervento, è quello di assicurare ai cittadini «maggiore sicurezza e processi civili e penali più rapidi ed efficienti».RC AUTO: POLIZZE TRASFERIBILIPer realizzare una assicurazione Rc auto equa, con canoni differenziati rispetto al territorio, vengono eliminati i vincoli di trasferimento della polizza da un assicuratore ad un altro. In questo modo si pensa di favorire la concorrenza tra le compagnie e ridurre significativamente i costi a carico degli automobilisti.284 MILIONI PER MEDICI E INFERMIERIStanziati 284 milioni per i rinnovi contrattuali di tutto il personale dipendente del settore sanitario. Per il governo «la salute dei cittadini è fondamentale e per garantirla bisogna investire, a partire dal personale dipendente del servizio sanitario nazionale». Altri 505 milioni saranno attribuiti invece alle Regioni per le spese farmaceutiche.FONDI PER RIDURRE LE LISTE D'ATTESAStanziato un fondo da 50 milioni a favore delle Regioni per gli interventi di abbattimento delle liste d'attesa. Il governo punta a ridurre drasticamente i tempi relativi ad analisi, visite specialistiche ed interventi. Ed è anche previsto che d'ora in poi se un medico tiene troppi pazienti in lista d'attesa subisca penalità economiche.START-UP INNOVATIVE E BLOCKCHAINArriva un fondo di venture capital con Cassa depositi e prestiti per investire nelle startup innovative. Nasce un secondo fondo «Blockchain» per utilizzare questa tecnologia a sostegno del made in Italy. Nel pacchetto semplificazioni è poi previsto il riconoscimento dei registri che utilizzano quest'ultima tecnologia. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore