MENU
Chiudi
24/10/2018

Metrò, accuse al ministro “Linea 6, due anni di ritardo”

La Repubblica - TIZIANA COZZI

Dopo lo stop alle grate al Plebiscito, Comune e Metropolitana contro Bonisoli. Ortolani, M5S: "Necessarie verifiche"
Il ministero dice stop al cantiere per la camera di ventilazione di piazza Plebiscito e il Comune lancia l'allarme sugli effetti della sospensione. Cantiere bloccato, lavori fermi, 98 milioni di fondi europei a rischio restituzione, pericolo risarcimenti da parte delle aziende, ritardi che si accumulano sulla tratta della Linea 6 e allontanano le aperture delle stazioni pronte per il 2019. E, in caso di un cambio del progetto in marcia, con piazza Carolina al posto del Plebiscito per accogliere le grate del metrò, le cifre della stima fatta dalla società Metropolitana parlano da sole. Otto milioni di euro in più di costi (da 4,5 a 12,5 milioni), slittamento di 2 anni e mezzo dei tempi previsti, rispetto al cronoprogramma attuale. Insomma dal 2020 si andrebbe a finire al 2022.
, pagina II Il ministero dice stop al cantiere per la camera di ventilazione di piazza Plebiscito e il Comune lancia l'allarme sugli effetti della sospensione. Cantiere bloccato, lavori fermi, 98 milioni di fondi europei a rischio restituzione, pericolo risarcimenti da parte delle aziende, ritardi che si accumulano sulla tratta della Linea 6 e allontanano le aperture delle stazioni pronte per il 2019. E, in caso di un cambio del progetto in marcia, con piazza Carolina al posto del Plebiscito per accogliere le grate del metrò, le cifre della stima fatta dalla società Metropolitana parlano da sole. Otto milioni di euro in più di costi (da 4,5 a 12,5 milioni), slittamento di 2 anni e mezzo dei tempi previsti, rispetto al cronoprogramma attuale (da 14 mesi a 42 mesi, 28 mesi in più), contratti già affidati, riprogettazione. Insomma dal 2020 si andrebbe a finire al 2022 per vedere la Linea 6 completa. Metropolitana rileva poi che sistemi di grate esistono nelle piazze storiche di altre città italiane.
Comune, Ansaldo e Metropolitana, dunque, preparano la controffensiva da presentare al ministero.
«Un dossier con tutta la documentazione, le perizie e i sopralluoghi tecnici fatti nel corso di questi anni - spiega l'assessore alla Mobilità Mario Calabrese - così spiegheremo la decisione di scegliere piazza Plebiscito per la camera di ventilazione, necessaria per tutta l'opera della linea 6. Sono fiducioso di convincere il ministero, se vorranno ascoltarci. Speriamo di essere ricevuti al più presto, per limitare i danni di questa improvvisa interruzione». Nei giorni scorsi il soprintendente Luciano Garella è stato chiamato dal ministero, dopo le interrogazioni parlamentari del Movimento 5 Stelle al ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli. I parlamentari (tra cui la deputata napoletana Rina De Lorenzo) si sono chiesti come mai Garella avesse dato l'ok al cantiere. Il soprintendente è stato convocato dal direttore generale. Quindi dai pentastellati è arrivato l'input: lanciare da Roma un segnale forte, in risposta alle interrogazioni. Il ministero ha firmato la sospensione pro tempore del cantiere.
Se si dovesse cambiare il progetto e puntare su piazza Carolina, abbandonando piazza del Plebiscito, si dovrebbero valutare costi maggiorati, tempi prolungati e scavi più pericolosi. L'ipotesi piazza Carolina, avanzata dal ministero, è stata scartata da Comune e Metropolitana dopo diversi sopralluoghi. Realizzare una nuova camera di ventilazione 10 metri per 10, 8 di altezza per alloggiare gli impianti dei grandi ventilatori e poi un condotto con pozzo verticale di 5 metri di diametro, in piazza Carolina vuol dire scavare a mano una galleria nel tufo, non con una macchina capace di lavorare in profondità, sott'acqua. Il tufo è sabbioso, c'è rischio serio di incidenti durante il percorso. Si lavorerebbe per di più sotto via Chiaia, al di sotto di edifici di pregio e in cavità non censite ma percorse da sottoservizi profondi che richiederebbero anche lo spostamento dei condotti fognari ad esempio. L'ipotesi piazza Carolina avrebbe comunque previsto un cantiere in piazza Plebiscito per i manufatti e gli operai. «Si può fare tutto, gli ingegneri mandano pure razzi sulla Luna - ironizza Calabrese -ma tutto ciò prevede costi e ritardi nella conclusione dell'opera e di questo ne pagheranno le spese i cittadini. Siamo a rischio contenziosi, per la sospensione non motivata e il blocco del cantiere improvviso, tra l'altro attuata con una procedura anomala, nuova, credo non sia nemmeno prevista dal Codice degli appalti». Si tratta infatti di un lavoro in corso, con autorizzazioni già ottenute. «Le imprese potranno chiedere danni e questo va ad incidere sulle tasche dei contribuenti - prosegue l'assessore -.
Avremo problemi anche con i fondi europei. Abbiamo chiesto una proroga da marzo 2019 a dicembre ma così non ce la faremo. Corriamo il rischio di sforare i tempi, dovremo restituire i fondi. I lavori alla camera di ventilazione sono necessari per l'attivazione della tratta Municipio-Fuorigrotta». Slitterebbero anche le aperture di stazioni già pronte come Chiaia e Municipio da inaugurare entro il prossimo anno. «Così praticamente fermiamo la linea 6. Vorrei ricordare che si tratta di griglie di 20 metri su una superficie di 25 mila metri quadrati. Stiamo studiando modelli, materiali e colori della griglia con Alvaro Siza, non sarà per nulla impattante». Scartata anche dal ministero l'altra ipotesi: piazza Trieste e Trento. Prevedeva infatti uno sconfinamento del cantiere in via Verdi, con una deviazione del traffico e un impatto sulla mobilità nel cuore turistico della città, oltre a numerose complicazioni nello scavo del sottosuolo.
1
Roma Piazza della Repubblica Le griglie sulla pavimentazione. 2
Milano Piazza del Duomo Le lastre di copertura in ferro 3 Torino Piazza San Carlo Le grate davanti alla statua in piazza

Foto: Lo scavo Nella foto grande in alto, il cantiere per le grate di ventilazione della Linea 6 della metropolitana in piazza del Plebiscito. I lavori sono stati bloccati.
Nelle tre foto più in alto nella pagina, i sistemi di grate che - fanno notare Comune e Metropolitana esistono a Roma, Milano e Torino in 3 piazze storiche

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore