scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
19/06/2021

MessinaServizi: «Appalti tutti in regola»

Gazzetta del Sud

La società dei rifiutiel' assessore Musolino dicono la loro dopol' inchiesta di Gazzetta sugli affidamenti ai privati
Viene spiegata la ragione di ogni esternalizzazionie perché, in alcuni casi,l' azienda non può ancora occuparsi in proprio di alcune attività. «Partitol' iter per le assunzioni» «Per scerbature e potature ricorso alle ditte esterne per avere il tempo di creare il know-how»
Le esternalizzazioni sono meno di quante sembrano.E quelle che effettivamente sono state disposte, erano necessarie. Tutto il resto?«Spregevoli insinuazioni». È questa la posizione del presidente di MessinaServizi, Pippo Lombardo, e dell' assessore Dafne Musolino, dopo la nostra inchiesta sugli appalti esterni della società che si occupa della gestione dei rifiuti. «È bene precisare- si legge nella profluviale replica,di cuiriportiamo per ragioni di spazio ampi stralci- che tutti gli appalti citati sono avvenuti nel rispetto della normativa vigente (mai sostenuto il contrario, ndc ).I contratti che sono stati presiin carico daMessinaservizi sono due. Uno riguardai servizi di igiene ambientale, sottoscritto il 17 luglio 2017. Si fa riferimento ad una gara peri trasporti in discarica in corso eda solo titolo di chiarimento la stessa gara per ilè già stata aggiudicata due anni fa. Considerato che il contratto era ormai prossimo alla scadenza, si sta semplicemente replicando il medesimo servizio.È l'unica esternalizzazione di rilievo fatta dalla Messinaservizie costituisce poco meno del 4%(1,3 milionia based' asta) dell'intero corrispettivo contrattuale della società, al di sotto delle soglie di legge. Per quanto riguarda gli altri affidamenti, si tratta sempre di appalti per l'espletamento di servizi inerenti la raccolta dei rifiuti, di assoluta necessità, anche in considerazione del proliferare di microdiscariche.È necessario precisare che l' incidenza di tali serviziè pari al 1% dell'intero corrispettivo contrattuale». Viene definito «fuorviante ancora una voltail riferimento aimilionari contratti della Tech Servizi Srl, sui quali già nei mesi scorsi abbiamo avuto modo di chiarire che avevano ad oggetto le procedurepubblicheeuropee perlafornitura dei contenitori per la raccolta differenziataedilnoleggio deimezzifullservice, di durata pluriennale,e concluse oltre8 mesi prima che intervenissel' interdittiva antimafia (anche qui, mai sostenuto il contrario, ndc ). La Tech Servizi opera adesso in amministrazione giudiziaria edèqualificataed inregolaperottenere affidamenti ed appalti.È doveroso rammentare che quando venne notificata l' interdittiva, la Messina Servizi ha immediatamente revocato due affidamentiin corsogiàaggiudicatima nonancora contrattualizzati». La pulizia spiagge? «MessinaServizi si avvale di ditte dotate di mezzimeccanici adeguati, mail servizio di pulizia manuale, la predisposizione delle mini isole ecologichee lo smaltimento dei rifiutiè svolto direttamente con personale dipendente. Il tema dei rifiutiè complessoe coinvolge numerosi operatori che si occupano ciascuno dello smaltimento di determinati rifiuti. Premesso pertanto che la MessinaServizi gestiscel'impiantodi selezionedellafrazione secca, per lo smaltimento della frazioneumidaodei rifiutipericolosioper altre tipologia di rifiutiè necessario affidarsi ai gestori che smaltiscono tale tipologia di rifiuti. Dunque non si tratta di esternalizzarei servizi», ma di «contratti che si rendono necessari dal momento che il Comuneè privo di impianti». L' altro contrattodi servizio«riguarda la manutenzione del verdeedi servizi di disinfestazionee derattizzazione: innanzituttoi servizi di disinfestazionee derattizzazione vengono svolti direttamente dalla Msbc, che già dall' anno scorso ha fattoi necessari investimenti per reperirei mezzi, le attrezzature ed il software di gestione che monitora tutto il servizio. Il servizio di disinfestazioneè svolto con mezzi ed attrezzature varie, mentre per la deblattizzazione, dovendo essere utilizzato personale qualificato ed esperto,ci siavvale didittaesterna. Perla manutenzione del verde (scerbatura, potatura etc.), dovendo subentrare immediatamente nel servizio,non sarebbe stato possibiledotarsi immediatamente di tutto quanto necessario per svolgere il servizio con personale dipendente. Trattandosi di un contratto con durata quinquennale, siè partiti con esternalizzazioni per dare il tempo alla società di acquisire il proprio know-how produttivo. Discorsoa parte merital' affidamento alla Gespi per lo smaltimento di rifiuti Covid, cimposto da ordinanza regionale». Quindi le assunzioni, che secondo Musolinoe Lombardo sarebbero state "t aciute" (probabilmente sono sfuggite le righein cuiinvece sene facenno). «Per procedereresponsabilmente sièdovuto attendere prima la stipula del contratto di servizioper la cura delverde pubblico edi servizi di igiene ambientale (avvenutal'8 febbraio 2021) per avere la relativa copertura finanziaria e, successivamente, sisono avviatele necessarieprocedure per il reperimento del personale». A Comunee MessinaServizi, infine, nonè piaciuta la chiosa sul" cavallo di ritorno"e chiedono spiegazioni, parlando addirittura di «spregevole insinuazione». Nessuna insinuazione, solo un riferimento ad una frase utilizzata un anno fa proprio dall' Amministrazione per spiegare come, in passato,i serviziassegnati aMessinambiente e Ato3 venissero, poi, affidati all'estern o. s eb.c asp.

Foto: «Spregevoli insinuazioni» Sono quelle (presunte)a cui si riferiscono Pippo Lombardoe Dafne Musolino