scarica l'app
MENU
Chiudi
23/07/2020

Mercatino dell’Antiquariato, gestione verso la Pro Sacile

Il Gazzettino

SACILE
Mancano tre giorni all'appuntamento della quarta domenica di luglio e ancora non si sa chi sarà il nuovo gestore del Sacellum, il mercatino dell'antiquariato e nemmeno se il mercatino ci sarà. Questo mentre già 141 operatori hanno dato la loro adesione e una decina sono in lista d'attesa, essendo 145 le postazioni a disposizione nella nuova area disponibile, che comprende il primo tratto di viale Zancanaro, piazza Manin, piazza del Popolo e via Garibaldi. È quanto emerso dall'incontro di una delegazione della Pro Sacile, composta dal presidente onorario Umberto Carcò e dal tesoriere Alberto Mattesco, con la responsabile del provvedimento per il Comune, Daniela Bariviera. Se da un lato è emerso che al bando ha risposto la sola Pro Sacile, dall'altro c'è la necessità di adeguare il bando stesso alla delibera con la quale la Giunta, l'8 luglio, ha differenziato le tariffe da applicare alle piazzole, aumentando a 16,40 euro più Iva il costo di quelle da 4x3 metri, rispetto la tariffa precedente, pari a 12,30 euro più Iva, prevista sia per le piazzole da 2 x3 metri sia per quelle più grandi. Tale modifica, intervenuta nel coro dell'affidamento, impone all'amministrazione comunale di ridurre il periodo per l'assegnazione delle nuova gestione del Sacellum, per non eccedere la soglia massima per gli affidamenti diretti (cioè senza ricorrere alle procedure tradizionali di gara d'appalto), prevista dal Codice degli appalti, che è di 40 mila euro. L'avviso pubblico per la gestione del mercatino, pubblicato dal Comune, aveva un valore di 38.966 euro, calcolato su un periodo di 22 mesi con una unica tariffa di 12,30 euro più Iva, da moltiplicare per le 144 piazzole. Poichè sono aumentate le tariffe delle piazzole grandi, è necessario ridurre il periodo di gestione sotto i 22 mesi, per rispettare la soglia dei 40 mila euro. Pertanto, considerando che ci sono 102 piazzole da 4x3 metri (costo 16,40 euro più Iva) e 32 sa 2x 3 metri (costo 12,30 euro più Iva), l'affidamento non potrà avvenire per più di 19 mesi, periodo per cui il valore dell'affidamento potrebbe essere di 39,261 euro. Oltre a quella della Pro non ci sono state altre manifestazioni di interesse alla gestione del Sacellum e quindi oggi stesso dovrebbe esserci l'affidamento ufficiale. «Attendiamo la conclusione delle procedure - si è limitata a commentare la presidente, Lorena Bin - che ha seguito tutta la vicenda senza entrare mai nel merito, lasciando al presidente onorario Carcò e al tesoriere Mattesco il compito di sbrogliare gli aspetti tecnici ed economici di una matassa assai ingarbugliata. - Un'unica assicurazione: se avremo la gestione siamo pronti ad accogliere gli oltre 140 operatori, molti dei quali sono nuovi e questo sta a dimostrare la fiducia che hanno in noi, ma anche a cercare di soddisfare quanti sono in lista d'attesa».
M.S.
© RIPRODUZIONE RISERVATA