scarica l'app
MENU
Chiudi
18/02/2021

Matteo Dell’Antico L’obiettivo è quello di rilanci…

Il Secolo XIX - Matteo Dell'Antico

Matteo Dell'Antico L'obiettivo è quello di rilanciare il tessuto commerciale e imprenditoriale del centro storico. Il Comune sta preparando un bando di gara per concedere gratuitamente per cinque anni 200 negozi e immobili al piano strada per l'apertura di nuove attività o l'ampliamento di attività già esistenti che siano commerciali, artigianali, associative oppure professionali. Si tratta di un modello piuttosto inedito perché quasi nessuno dei 200 immobili sarà di proprietà comunale: molti apparterranno a privati cittadini e l'amministrazione penserà a coprire le spese di affitto di chi si insedierà per i primi cinque anni di lavoro. «I nostri uffici stanno lavorando alla messa a punto, e per la fine di marzo saremo pronti con il bando», annuncia il sindaco Marco Bucci .stanziati cinque milioniPalazzo Tursi per questo progetto ha stanziato cinque milioni di euro. L'idea è nata sulla falsariga di un bando simile lanciato negli anni passati solo per la zona di via Prè, ma in quel caso gli immobili erano già tutti in mano al Comune. «In questo caso agiamo sul mercato immobiliare privato, e quello che vogliamo fare è anche mettere un tetto massimo agli affitti in modo da calmierarli», sottolinea il sindaco. Al bando potranno partecipare nuove imprese e attività, ma anche realtà già esistenti che vogliano ampliare (non semplicemente spostare) i propri locali. «In questo modo - prosegue - si alzano nuove saracinesche e si accendono nuove luci a presidio del centro storico. sostegno alle attività «L'obiettivo di questo progetto - spiega Paola Bordilli, assessora comunale al Centro storico - è quello di favorire la nascita di nuove attività nel centro storico anche se come amministrazione stiamo mettendo a punto nuove iniziative per sostenere le realtà che già operano in questa zona della città». «Uno degli aspetti più significativi di questa iniziativa - prosegue - è che andrà oltre il mandato dell'attuale amministrazione». Ieri la giunta comunale ha approvato le linee guida per poi individuare i 200 locali nel centro storico che verranno inseriti nel bando. occhi su abitazioni e piazzette«Il prossimo step, anche se non è contenuto nel piano Caruggi, è quello di fare un bando simile anche per le abitazioni ovvero dare almeno 200 case in affitto gratis a coppie giovani, famiglie, studenti, anziani, insomma a persone che possano essere nuovi cittadini del centro storico, arginare il problema degli appartamenti sfitti o occupati abusivamente e creare una maggiore socialità», sottolinea il sindaco. L'obbiettivo di Palazzo Tursi è rigenerare il tessuto dei vicoli non solo con attività legate al turismo: «Non vogliamo luoghi da cartolina, pensati solo per i turisti ma non reali - continua - vogliamo che i caruggi siano un posto dove vivere, lavorare e trascorrere il tempo libero». Anche per questo la volontà dell'amministrazione è quella di coinvolgere maggiormente, rispetto al passato, i residenti e le associazioni. «Entro l'inizio di marzo pubblicheremo anche il bando del patto complesso - conclude il primo cittadino - con il quale coinvolgeremo gli abitanti nell'organizzazione e gestione di undici piazzette del centro storico». facciate dei palazzi illuminate Il Comune è intenzionato ad affidare ad artisti e architetti specializzati nel light design il rilancio culturale e turistico di alcune zone del centro storico oggi poco o mal frequentate e difficili da riqualificare. Gli uffici stanno studiando un bando per coinvolgere creativi da tutta Italia e da tutto il mondo per pensare a come illuminare le facciate dei palazzi con le soluzioni più disparate: dai neon alle proiezioni, dai led alle illusioni ottiche, l'idea è quella di creare un nuovo percorso attraverso i vicoli, tutto da scoprire sia da parte dei genovesi che dei turisti. --matteo.dellantico@ilsecoloxix.it© RIPRODUZIONE RISERVATA