scarica l'app
MENU
Chiudi
29/11/2019

Mattatoio e box ortofrutticoli Due bandi per il trasferimento

Corriere dell'Umbria

Palasport al Foro Boario Gli operatori del mercato: "Non sappiamo ancora dove andremo"
di Massimo Colonna • Gli operatori ortofrutticoli del Foro Boario ancora senza un futuro mentre il Comune lavora a due bandi distinti per risolvere la questione del mercato e del mattatoio. E l'amministrazione avrebbe anche individuato l'area per sistemare le due nuove strutture, ossia un appezzamento di terra tra i Comuni di Terni e Narni all'altezza della salita di Castel Chiaro, lungo la Flaminia. Con i sopralluoghi tecnici per l'avvio del cantiere del PalaTerni che proseguono anche in questi giorni, ecco che i tempi cominciano a stringere per trovare una soluzione per il futuro della decina di operatori (una quarantina di lavoratori in tutto) del mercato ortofrutticolo del Foro Boario. E Palazzo Spada in queste ore avrebbe individuato la strada: un bando pubblico non solo per la gestione del mattatoio, m a anche per la gestione dei box del mercato. Una ipotesi che dovrebbe trovare concretezza mercoledì prossimo, quando alla riunione di giunta l'esecutivo ha in calendario di dare il via libera proprio alla delibera per la gara europea sulla gestione del mattatoio. Poi toccherà anche al bando per il mercato, a cui ovviamente potranno partecipare gli attuali operatori che dovranno però sostenere le spese per l'abbattimento dei box oggi al Foro Boario. Sia il mattatoio che le strutture del mercato infatti dovranno essere distrutte e ricostruite proprio in vista della realizzazione del PalaTerni. Il futuro degli operatori ortofrutticoli è rimasto però in sospeso in sostanza dal 27 settembre scorso, quando sono stati ascoltati in commissione consigliare. In quella circostanza era emerso il problema di fondo della vicenda: le concessioni comunali (scadute nel settembre scorso) affermavano che ad abbattere le strutture del mercato dovevano essere gli stessi operatori, mentre il nuovo bando per il palazzetto spiegava che a farsi carico della distruzione e della ricostruzione del mercato e del mattatoio, doveva essere chi si è aggiudicato il bando, ossia la Salc. "Dopo quell'incontro - spiega Raffaele Francia, operatore del mercato - non abbiamo avuto più contatti con il Comune e ad oggi non sappiamo quale sarà il nostro futuro. Nel frattempo qui in zona vediam o i tecnici del PalaTerni che effettuano i sopralluoghi e sinceramente vorremmo sapere quale sarà la strada da percorrere, visto che ne va del nostro lavoro e della nostra vita". La giunta di mercoledì prossimo darà qualche nuova indicazione.

Foto: Futuro ancora incerto Operatori del mercato ortofrutticolo al Foro Boario Il Comune annuncia un bando per il trasferimento dei loro box