scarica l'app
MENU
Chiudi
28/04/2020

Mascherine mai consegnate la Regione annulla l’appalto

Il Messaggero - A. Mar.

L'INCHIESTA
SALTATA ANCHE LA FORNITURA ATTESA PER IL 23 APRILE ECOTECH NEL MIRINO DEI PM: «LA PISANA RESTA PARTE OFFESA»
La Regione Lazio ha rescisso i contratti con la Ecotech, la ditta al centro nei giorni scorsi di polemiche rispetto all'invio delle mascherine anti-contagio. A fronte dell'ordinazione di una partita di dispositivi di protezione individuale da 35 milioni di euro, di cui oltre 11 pagati in anticipo, le forniture non sono mai arrivate. Sul caso, sollevato dall'opposizione, ha aperto un'inchiesta anche la Procura di Roma e acceso un faro la Corte dei Conti. Per i pm di piazzale Clodio la Regione è, comunque, parte lesa. Il 23 aprile la ditta avrebbe dovuto spedire e mettere in consegna la merce, come chiarito il 20 aprile dal vicepresidente Daniele Leodori in commissione congiunta Bilancio e Protezione civile, cosa che non è avvenuta. Di qui la decisione notificata ieri, con contestuale intimazione a restituire il denaro già ricevuto entro cinque giorni. «Visto il mancato rispetto di tutti i termini concessi alla società Ecotech Srl, compreso quello legato alla mancata consegna della merce con volo del 23 aprile - si legge nella nota ufficiale - e preso atto che la Ecotech pur avendo proposto di completare le forniture non è stata in grado di dare certezze sui tempi e sulle modalità, la Regione Lazio ha deciso di procedere alla risoluzione dei contratti con la suddetta società». Ciò, è spiegato ancora, ha «la conseguenza di intimare alla Ecotech di restituire il denaro ricevuto entro 5 giorni, (pena l'escussione della polizza fideiussoria appositamente rilasciata), nonché di risarcire tutti i danni subiti e subendi per effetto della sua condotta colpevole. È evidente che la Regione Lazio si considera parte lesa e tutelerà in tutte le sedi competenti i propri diritti e quelli dei cittadini del Lazio». Questo nuovo atto nella intricata vicenda degli ordini alla Ecotech, una società che fino a poco prima aveva commerciato in lampadine, ha scatenato le reazioni delle opposizioni alla governance che chiedono, ora, le dimissioni dei vertici. «La Regione è parte lesa ma non i suoi rappresentanti», tuona il capogruppo della Lega Lazio, Orlando Angelo Tripodi, parlando di una vicenda «arricchita da ombre e bugie». «Come si fa ad affidare ad una piccola società una commessa di decine di milioni di euro?», chiedono le opposizioni. LE SCORTE Nel frattempo, le scorte di mascherine nei magazzini della protezione civile regionale non languono. Nei locali sono sistemati 16 milioni di dpi, di cui 13 milioni di mascherine e considerato che la Regione ne distribuisce 300mila al giorno, nel breve termine, sono sufficienti. Dal 6 aprile, infine, l'acquisto dei dispositivi è stato centralizzato dal super commissario Arcuri per cui non compete più agli enti locali.

Foto: L'inchiesta riguarda una fornitura di 7 milioni di mascherine per la Regione Lazio