scarica l'app
MENU
Chiudi
11/04/2020

Mascherine dalla Cina Arrestato imprenditore

Gazzetta del Sud

Nei guai per turbativad' astal' ex compagno di Manuela Arcuri
Al telefono: «Proviamoci, tantoè un' emergenza»
Marco Maffettone ROMA «Proviamoci, tantoè un'eme rgenza». Una intercettazione raccontae descrive il progetto illecito di Antonello Ieffi, imprenditore natoa Cassino, che forse passerà alla storia con un triste primato: il primo arrestato per reati contro la pubblica amministrazione perl' emergenza coronavirus. Nei sui confronti la Procura di Roma contesta il tentativo di turbativad' astael' inadempimento di contratti di pubbliche forniture nell' indagine avviata dopo una denuncia diConsipe relativa alla fornitura di 24 milioni di mascherine chirurgiche. Una torta da quasi 15 milioni di euro su cuil' imprenditore, con un passato anche da rotocalchi rosa per flirt da copertina come quello conl' attrice Manuela Arcuri, volevaa tuttii costi mettere le mani anche senza avere alcun tipo di credenziali, così come accertato in tempi record dalla Guardia di Finanza e dal Gico del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Roma. «Io importo da anni il fotovoltaico dalla Cina... quandoc'è statal' emergenza, ho chiamato le ditte giù per dire, ma avete le mascherine, sta roba... mi sono messo in mezzoa questa cosa qua... perché intanto fai del bene...è una emergenza», affermava al telefono nei primi giorni di marzo. Da quel momento Ieffi ha messo in campo tuttii mezzi possibili per arrivare ad accaparrarsi una «fetta» di quella gara d' appalto. La denuncia recapitataa piazzale Clodio da Consip faceva riferimento ad una serie di anomalie riscontrate nell' ambito della procedura di una gara, del valore complessivo di oltre 253 milioni di euro, bandita d' urgenza per garantirel' approvvigionamento di dispositivi di protezione individualee apparecchiature elettromedicali.In particolare,illotto n.6 della gara, dell' importo di circa 15,8 milioni di euro, relativo alla fornitura di mascherine chirurgiche,e che era stata vinta da Biocrea Società Agricolaa Responsabilità Limitata. La società, con la sottoscrizione di apposito Accordo Quadro con Consip, si era impegnata, tral' altro, alla consegna dei primi3 milioni di mascherine entro3 giorni dall'o rdine. Da subito, però, qualcosa non tornava alla stazione appaltante. Alla data di scadenza prevista nel contratto per la prima consegna di mascherineè stata effettuata all' aeroporto cinese di Guangzhou Baiyun un' ispezione, che ha evidenziatol' inesistenza del carico dichiarato. Nessuna mascherina in direzione Italia. Per il gip Valerio Savio siamo in presenza di una verae propria «puntatad' azzardo giocata sulla salute pubblica».

Foto: Torta da quasi 15 milioni di euro Antonelli Ieffi (nel riquadro) arrestato dalla Finanza