scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
08/06/2021

” Marcegaglia va processata: evasi 800 mila euro “

Il Fatto Quotidiano - URBANO CROCE

PROCURA DI MANTOVA
A PAG. 5 La pulizia ela depurazione dell ' isola di Albarella finiscono sotto l ' occhio della magistratura. Ed Emma Marcegaglia, che con il gruppo di famiglia da sempre controlla la gestione dell ' isola vip sul Delta del Po, rischia il processo per evasione fiscale. La Procura di Mantova ha infatti chiesto il rinvio a giudizio per l ' ex presidente di Confindustria, iscritta nel registrodegli indagaticon l ' accusa di aver evaso l ' Iva tra il 2015 e il 2018. Vicenda sulla quale la Guardia di Finanza e l ' Agenzia delle Entrate hanno puntato i riflettori. " E non hanno trovato alcuna irregolarità " sostiene l ' av vocato Sergio Genovese, legale di Emma Marcegaglia. Per la Procura guidata da Manuela Fasolato, però, c ' e qualcosa che non torna. In particolare alcune fatture. Quelle che la Alba Tech srl con sede a Chioggia ha emesso nei confronti della società Albarella srlcon sede a Gazoldo degli Ippoliti e che è direttamente riconducibile a Marcegaglia, che risulta essere la legale rappresentante. Per chi indaga, la ex presidente di Confindustria, carica ricoperta dal 2008 al 2012, su quelle fatture avrebbe omesso di versare oltre 800mila euro di Iva. La Procura di Mantova ritiene che le fatture contestate siano relative ad operazioni inesistenti. Nel mirino è finito un appalto del 2007 per i lavori di pulizia e depurazionedei 528ettaridiisola privatain provincia di Rovigo ed eseguiti dalla società Alba Tech srl che però, all ' epo ca della contestazione, non avrebbe avuto capitali, organizzazione, beni strumentali e autonomia gestionale. Insomma, una scatola vuota. Tramite l ' appalto a questa società, la Albarella srl di Emma Marcegaglia avrebbe, secondo le ipotesi, ottenuto un notevole vantaggio economico. Perché pur avendo la possibilità e la disponibilità per assumere e pagare il personale, si è affidata alla Alba Tech che ha emesso fattura. Un ' operazione che gli inquirenti inquadrano come un appalto s i m u l at o . Per l ' avvocato Sergio Genovese, però, a oggi Guardia di Finanza, Agenzia delle Entrate e anche l ' ispe ttorato del lavoro per quanto riguarda i contratti degli operai che hanno pulito l ' isola di Albarella, non avrebbero ravvisato irregolarità nell ' appalto. E la difesa che tra pochi giorni sarà in aula per l ' udienza preliminare è pronta, in caso di rinvio a giudizio dell ' ex presidente di Confindustria, a scegliere la strada del processo in abbreviato. URBANO CROCE