MENU
Chiudi
06/12/2018

Manovra in cerca di nuovi tagli

MF - Andrea Pira

LEGGE DI BILANCIO MARTEDÌ 11 IL PREMIER CONTE ANDRÀ DA JUNCKER CON LA BOZZA
Il governo vuole intervenire sugli investimenti. Verso la fiducia alla Camera. Anfia critica sul bonus-malus
La manovra approdata ieri in Aula a Montecitorio e sulla quale il governo metterà la fiducia non sarà la stessa che uscirà alla fine dell'iter parlamentare. L'imperativo è scongiurare la apertura della procedura d'infrazione europea per eccesso di debito. Una nuova bozza di legge di bilancio non arriverà a Bruxelles prima della prossima settimana. Il documento sarà sul tavolo del presidente della Commissione europea martedì 11 dicembre. Il giorno ha annunciato ieri lo stesso premier Giuseppe Conte vedrà il capo dell'esecutivo europeo e gli sottoporrà la nuova proposta nella quale l'Italia cercherà «di adottare qualche accorgimento per rafforzare il piano degli investimenti». In questa direzione vanno alcune delle modifiche apportate al testo durante la discussione in commissione Bilancio alla Camera. Si prevede ad esempio l'obbligo per i Piani individuali di risparmio di investire il 3% del patrimonio in società quotate sui mercati come l'Aim (articolo a pagina 12). Viene inoltre data facoltà all'Inail di sottoscrivere quote o azioni di organismi di investimento collettivo del risparmio chiusi (con particolare riferimento a quelli gestiti da società di gestione del risparmio partecipate da società quotate) la cui politica di investimento sia orientata prevalentemente ad imprese con significative possibilità di crescita. Rientra anche la possibilità per le banche di credito cooperativo e le società non quotate di non applicare i principi contabili internazionali che impongono l'iscrizione a bilancio degli asset posseduti al valore di mercato e non a quello di libro, inizialmente stralciata dal decreto fiscale al Senato. Viene inoltre innalzato a 15.000 euro il tetto al contante per i turisti stranieri. Critiche arrivano invece al bonus malus con sovrattassa da 150 a 3.000 euro o incentivi da 6.000 a 1.500 euro per le auto in base alle emissioni di Co2, sistema in base alla quale, sottolineano dal settore, una Panda pagherà più di una Bmw. La norma «colpisce la filiera industriale italiana che si è impegnata a investire nell'elettrificazione e mette in difficoltà gli operatori e il mercato», commenta l'Anfia, che lunedì aveva incontrato Conte, ricevendo rassicurazioni. Scontento c'è anche tra i costruttori, secondo i quali le modifiche al codice degli appalti contenute nel decreto semplificazione che andrà oggi in Consiglio dei ministri non garantisce trasparenza, preoccupati soprattutto per l'ipotesi di elevare la soglia delle procedure negoziate senza bando a 2,5 milioni. Sarà però al Senato che il governo interverrà con modifiche sostanziali in particolare sui due provvedimenti bandiera, reddito di cittadinanza e quota 100, che secondo il sottosegretario Giancarlo Giorgetti potrebbero subire decurtazioni vicine ai 2 miliardi. Soprattutto le modifiche a Palazzo Madama, con un maxiemendamento, potrebbero incidere sui saldi andando nella direzione indicata da Bruxelles, che vorrebbe si andasse anche sotto il 2% (il sottosegretario Bitonci ha indicato attorno al 2,2%) e vuole vedere ridotto, anche se solo dello 0,1%, il deficit strutturale. «Il reddito di cittadinanza e quota 100 non si toccano, come sono partite e come arrivano. Stiamo rimodulando la spesa perchè possono costare meno di quanto previsto», ha comunque sottolineato il vicepremier Luigi Di Maio. Il governo è ottimista. Nella discussione piomba però l'ok a un emendamento «sovranista» alla relazione sulla Legge europea 2018 presentato al Senato da Fratelli d'Italia e che chiede di porre la Costituzione sopra le norme Ue. (riproduzione riservata)

IL RAPPORTO DEFICIT/PIL ITALIANO

20% 15% 10% 5% 0 '08 '09 '10 Tasso % '11 '12 '13 '14 '15 Giugno 1,9% '16 '17 '18 GRAFICA MF-MILANO FINANZA Quotazioni, altre news e analisi su www.milanofinanza.it/manovra

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore