scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
27/02/2021

Mancata pulizia dalla neve il Comune giustifica i disagi

Il Gazzettino

Era stata la prima esperienza dopo un nuovo appalto
FELTRE
Una nevicata non prevista, un appalto nuovo che doveva entrare in rodaggio e una serie di guasti e problematiche non hanno permesso al servizio di funzionare come avrebbe dovuto. È questo il sunto fatto dall'assessore alle manutenzioni Adis Zatta che, nel corso del Consiglio comunale di giovedì sera ha risposto all'interrogazione presentata dal consigliere Ennio Trento. Consigliere che aveva portato all'attenzione del consiglio la «pessima organizzazione dello sgombero neve con lastroni di neve compatta sulle strade principali che sono diventate percorsi ad ostacoli per gli autoveicoli, pedoni che devono camminare in mezzo alla strada per poter raggiungere la stazione o l'ospedale e segnalazioni di zone dove gli spazzaneve sono transitati con grande ritardo».
LA RISPOSTA
La replica arriva dall'assessore ai lavori pubblici Adis Zatta il quale spiega che per lunedì 28 dicembre 2020, il giorno della nevicata, il bollettino dava criticità per il territorio feltrino molto esigua, per cui non ci aspettavamo una nevicata così abbondante. «Nello scorso autunno abbiamo fatto il nuovo appalto per lo sgombero della neve introducendo una grossa novità rispetto al precedente appalto in quanto abbiamo inserito l'individuazione di tre macro aree (27 zone complessive) e la pulizia dei marciapiedi. Alla gara hanno partecipato 16 ditte tutte del Feltrino spiega Zatta -. Le zone 27, 28 e 29 riservate ai marciapiedi non sono state appaltate perché le gare sono andate deserte e quindi è rimasto in capo al Comune e i dipendenti erano impegnati lungo le strade». Entrando nel merito della nevicata «tutti gli appaltatori sono stati chiamati tra le 7.35 e le 8.05 del 28 dicembre quando nella zona di Feltre non c'erano ancora 8 centimetri, come da disciplinare. Tutti hanno iniziato il lavoro entro un'ora dalla chiamata ricostruisce l'assessore -. Il 29 dicembre tra le 14.15 e le 14.45 sono stati tutti richiamati e invitati a fare un ulteriore giro per allargare, quando possibile, la strada. Quanto possibile perché in alcuni luoghi non si può fare per evidenti motivi legati alla larghezza della strada o altro. Inoltre, tutti i mezzi dell'ufficio viabilità hanno eseguito la salatura delle strade entro le 8 di mattina e poi sono usciti con lame per lo sgombero neve a supporto degli appaltatori». La fortuna non è stata dalla parte del Comune: alcuni mezzi degli appaltatori si sono rotti, un appaltatore era al suo primo incarico e non conosceva bene le strade (zona Vellai, Cart, Case bianche), in alcune vie c'erano numerose macchine parcheggiate in strada (zona Tortesen, via Farra, via Pilotto al Boscariz) e in altre c'erano rami di terreni privati in strada (zona Altin). (E.S.)
© RIPRODUZIONE RISERVATA