scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
25/05/2021

Maggioranza divisa sul codice degli appalti

Libero

Il Carroccio litiga con la Cgil. Enrico insiste con l?imposta sull?eredit?
? Il decreto legge semplificazioni - promesso alla Commissione europea per velocizzare gli appalti del Recovery Plan - fa agitare la maggioranza. A far discutere ? il ritorno dell?appalto integrato unito al criterio di aggiudicazione basato sul massimo ribasso, oltre alle vistose deroghe alle procedure ordinarie. Sale sulle barricate il segretario della Cgil, Maurizio Landini, che minaccia lo sciopero generale. Con lui anche Nicola Fratoianni, leader di Sinistra italiana. Invece il leader della lega Matteo Salvini rilancia lo stop al Codice degli appalti, rispondendo anche alle critiche dei sindacati: ?Il Recovery snellisce le procedure sugli appalti con imprenditori felici e sindacati furibondi? Che le snellisca ? una fortuna, che i sindacati siano furibondi non direi. Lo sono alcuni. Ma a essere felici saranno gli operai, perch? lavoreranno di pi?. In che condizioni? Nelle stesse che ci sono state per la costruzione del ponte Morandi?. Intanto Enrico Letta continua la sua partita e rilancia la tassa di successione. A ?Che tempo che fa? prima tende la mano (?Non voglio creare problemi a questo governo, quindi se Salvini ci sta facciamo le riforme?), poi insiste con le sue battaglie: ?Voto ai sedicenni e scuola obbligatoria fino ai 18 anni. La dote ai diciottenni deve entrare in una riforma fiscale pi? complessiva, di questo abbiamo parlato con Draghi?.