MENU
Chiudi
25/08/2018

Lunedì le Camere riaprono per la seduta su Genova

Avvenire

PARLAMENTO
Il Parlamento riaprirà i battenti lunedì, con largo anticipo rispetto alla fine della pausa estiva fissata. Il ministro Danilo Toninelli è infatti chiamato a riferire sul crollo del ponte a Genova, con strascico di forte polemica per i tempi non strettissimi scelti per presentarsi di fronte alle commissioni Ambiente riunite di Camera e Senato. Appuntamento a Montecitorio alle 15. Seguirà dibattito, ma le risoluzione sulle comunicazioni del governo verranno votate in Aula il 4 settembre, come stabilito il 18 agosto a Genova da una straordinaria conferenza dei capigruppo, convocata sul luogo del disastro. Poi di nuovo tutti in vacanza, per riprendere il 10 settembre con il decreto Milleproroghe e i vaccini. Ma dopo la riapertura anticipata, le incognite per la ripresa dei lavori parlamentari non sono poche: dalla legge di Bilancio (che il premier Conte ha promesso sarà «seria, rigorosa, ma coraggiosa») alle "pensioni d'oro", passando per lo stesso decreto Milleproroghe, il nuovo codice degli appalti e il decreto sicurezza. Non è ancora chiaro se la riforma fiscale e il reddito di cittadinanza - due «tasselli chiave», a detta dello stesso premier , saranno collegati alla legge di Bilancio o se saranno proposte legislative a sé. I nodi nella manovra su cui è attesa chiarezza sono tanti: dalle clausole sull'Iva ai nuovi incentivi sulle assunzioni stabili, dalle "pace fiscale" a un intervento sulle pensioni.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore