scarica l'app
MENU
Chiudi
10/11/2020

Luci led al cimitero e una telecamera contro i furti in auto

La Provincia Pavese - Oliviero Maggi

Il nuovo appalto permetterà al Comune anche di risparmiare L'impianto video collegato alla centrale della polizia locale stradella
STRADELLAUna nuova telecamera per controllare il parcheggio e l'ingresso all'ala nuova del cimitero. A posizionarla sarà la società che si aggiudicherà l'appalto, per quattro anni, dal 2021 al 2024, del servizio di illuminazione votiva che il Comune di Stradella ha messo a gara e che riassegnerà entro la fine dell'anno. L'installazione di un dispositivo di videosorveglianza rientra tra le migliorie che le società interessate ad aggiudicarsi il servizio dovranno garantire insieme al potenziamento dei punti luce nelle zone più buie della struttura.Illuminazione a led«Il nuovo concessionario si impegna a sostituire tutte le lampadine esistenti con quelle a led, che consentono una migliore illuminazione ed un consistente risparmio energetico - spiega il vicesindaco Dino Di Michele, che ha anche la delega ai servizi cimiteriali -. Il Comune, però, ha voluto fortemente inserire delle clausole, che saranno determinanti per l'assegnazione dell'appalto, tra cui l'impegno ad installare una telecamera per sorvegliare l'ingresso e il parcheggio del cimitero nuovo "Li Calzi" per garantire la massima sicurezza ai cittadini. La telecamera sarà collegata all'impianto di videosorveglianza della Polizia locale e andrà ad aggiungersi a quella già posizionata sulla facciata del cimitero monumentale "Bottini"». Abbonamento annualeL'appalto, inoltre, prevede per i cittadini un abbonamento annuale di 18 euro per usufruire del servizio di illuminazione (dove sono comprese le spese di manutenzione, le riparazioni e la sostituzione delle lampadine), oltre ad un costo di 20 euro per il primo allaccio. Il prossimo anno, inoltre, è previsto un intervento di manutenzione nel cimitero "Bottini": il Comune ha programmato il rifacimento della copertura del sacrario ai caduti della prima guerra mondiale, dove attualmente, proprio a causa del tetto danneggiato, si verificano infiltrazioni di acqua che stanno danneggiando l'interno della struttura. Più difficile, invece, è l'intervento di rifacimento delle coperture delle cappelle private, per il quale è necessaria una compartecipazione dei proprietari.--Oliviero Maggi