scarica l'app
MENU
Chiudi
07/07/2020

Lotta agli evasori fiscali in provincia

Avvenire

La Guardia di Finanza ha presentato l'attività del 2019 e il lavoro durante la pandemia
A lla fine di giugno la Guardia di Finanza pontina ha festeggiato il 246° anniversario della sua fondazione. Ovviamente, una festa senza cerimonie pubbliche a causa delle misure di sicurezza contro la pandemia di coronavirus. Il comandante provinciale, il colonnello Michele Bosco, ha rivolto il proprio ringraziamento a tutti i finanzieri per le attività svolte nonché per l'imprescindibile funzione di presidio posta a tutela della legalità economico- finanziaria delle Istituzioni e della collettività. Più che lusinghiero il bilancio operativo del 2019, periodo in cui i finanzieri pontini hanno eseguito 786 interventi ispettivi e 1.162 indagini delegate dalla magistratura ordinaria e contabile in tutti gli ambiti della propria missione istituzionale. Numerosi i reati fiscali per cui sono state denunciate 145 persone, sequestrati beni per 5 milioni di euro. Ancor più incisivo il contrasto all'economia sommersa, visti i 186 evasori totali scoperto, che hanno evaso un totale di 31 milioni di IVA. Inoltre, sono stati verbalizzati 141 datori di lavoro per aver impiegato 317 lavoratori in "nero" o irregolari. Gli ambiti della tutela della spesa pubblica e del contrasto alla criminalità organizzata sono stati impegnativi, specie in periodi di crisi economica come quello attuale. Quindi le denunce per gli appalti irregolari o le indagini contro i gruppi criminali che da anni si infiltrano nell'economia pontina provocando notevoli danni alla collettività. In ogni caso, non è potuto mancare un accenno all'impegno della Finanza, in questa prima parte dell'anno, per la pandemia di Covid-19. La Finanza ha rivolto la propria azione contro gli illeciti economico-finanziari che destano maggiore preoccupazione: usura, riciclaggio, truffe e frodi in danno della popolazione, anche online, pratiche commerciali scorrette e pericolose per i consumatori, manovre distorsive sui prezzi, indebite percezioni di risorse pubbliche, reati contro la Pubblica Amministrazione, frodi nelle pubbliche forniture e, più in generale, le violazioni al Codice degli appalti. Un'attività che in questi mesi ha portato i finanzieri ad eseguire controlli nei confronti di 19.022 persone, al sequestro di 7.388 mascherine protettive illecite e alla denuncia o segnalazione amministrativa di 269 persone. Un lavoro che di fatto è posto a tutela del consumatore.

Foto: Una pattuglia della Finanza