scarica l'app
MENU
Chiudi
17/07/2020

Lombardia: maxi appalto a società indagata a Napoli

Il Fatto Quotidiano - Vincenzo Iurillo

TAMPONI DA 72 MILIONI
A PAG. 14 Il filo che collega e accomuna la Lombardia del leghista Attilio Fontana e la Campania del democrat Vincenzo De Luca nella gestione dell ' emergenza Covid-19 passa attraverso un ben avviato centro diagnostico privato di Casalnuovo di Napoli, l ' Ames diretto dal dottore Antonio Fico. È il laboratorio che poche settimane fa ha trionfato nella gara-accordo quadro con procedura d ' u rgenza per analizzare 20mila tamponi rinofaringei al giorno, per sei mesi, per le aziende sanitarie della Lombardia. Un appaltone da 72 milioni di euro concepito a metà maggio, con il fuoco dell ' emergenza ancora bollente. Ames è arrivata prima in graduatoria con u n ' offerta al ribasso di quasi il 51% - 29 euro e mezzo a tampone su una base d ' asta unitaria di 60 euro - nonos tante molte imprese concorrenti si fossero proposte a prezzi inferiori (una era disponibile a processarli a poco più di 10 euro). Merito di un elevatissimo punteggio tecnico, che ha certificato l ' altissima qualità " del materiale tecnico prod o tt o " in sede di offerta, secondo l ' analisi della commissione aggiudicatrice. Un punteggio che nella compilazione della graduatoria finale ha pesato di più di quello economico. Secondo quanto risulta al Fat to Quotidiano , Ames ha i mezzi e le strutture che le consentirebbero, teoricamente, di evadere da sola tutti i quantitativi ordinati dalla Lombardia senza bisogno di scorrere la graduatoria dal secondo al sesto posto. Il 9 luglio l ' Azienda socio-sanitaria territoriale di Bergamo ha iniziato a ordinare al centro forniture per poco più di mezzo milione di euro. Segno che la convenzione tra l ' Aria (l ' azienda regionale per gli acquisti della Lombardia) e il centro napoletano, protocollata il 23 giugno e messa sul sito a inizio luglio, è diventata operativa. Ames, che processa tamponi che arrivano via treno fornendo i risultati entro 24 ore, è la stessa impresa che ad aprile, nella fase acuta della pandemia, " ha solo fornito i suoi spazi e un aiuto, un supporto scientifico per aiutare l ' Istituto Zooprofilattico di Portici a processare tamponi per la Regione Campania " , come ribadisce al Fa t t o Quotidiano il dottore Fico. Una collaborazione che, secondo le ricostruzioni delle pagine napoletane de La Repubblica , è stata compiuta senza essere preceduta da un bando pubblico o una formalità scritta. O meglio, un contratto tra Ames e Istituto Zooprofilattico c ' era: ma riguardava circa 10mila test di sangue e urina per un piano di monitoraggio sulla terra dei roghi, importo di circa 750mila euro, gara di dicembre, firma il 25 marzo. Vergata più o meno negli stessi giorni in cui iniziava la collaborazione per i tamponi " gratuita e disinter e s s at a " , hanno sostenuto i manager coinvolti. Collaborazione che consentì all ' Is tituto di aumentare i tamponi giornalieri da circa 50 a quasi 700. Solo in giorni successivi la Soresa, la centrale acquisti della Regione Campania, ha riaperto una manifestazione d ' inte resse - precedentemente accesa solo per 22 ore - per ipotizzare di allargare anche ai privati l ' analisi del tamponi. Prima quattro aziende, poi altre 21, hanno dimostrato il possesso dei requisiti richiesti, tra le quali l ' Ames. Ma nessuna ha poi lavorato con la Regione Campania, che ha continuato a effettuare i tamponi attraverso la dozzina di laboratori ricavati in ospedali e strutture pubbliche. Sulle spigolature di questa vicenda la procura di Napoli guidata da Giovanni Melillo ha ordinato un ' inchiesta e l ' ha affidata al pm ' reati pubblica amminis trazione ' Mariella Di Mauro. Il fascicolo è tuttora aperto. Nel frattempo Ames è ' e m i g rat a ' al Nord. " Cosa c ' è di strano? Non è la prima volta " , sorride Fico. " Siamo un ' eccel lenza di livello nazionale " .
Il monitoraggio nella Fase 2 Un operatore sanitario esegue un prelievo o ro fa r i n g e o FOTO ANSA
CAMPO ROM DI SCAMPIA, SEI POSITIVI UNA 17ENNE INCINTA, due suoi parenti e altri tre abitanti. Sono risultati positivi ai tamponi effettuati nel campo rom di Scampia, periferia nord del capoluogo campano. La Asl Napoli 1 sta effettuando il contact tracing dei positivi e ieri ha inviato una equipe per effettuare altri test. " Tutti i territori sono sotto controllo - ha detto il governatore De Luca -. Se ci sono situazioni pericolose, chiudo tutto "