scarica l'app
MENU
Chiudi
12/09/2018

L’officina è molto rumorosa? Il meccanico pagherà i danni

La Gazzetta Del Mezzogiorno

LE NOVITÀ IN ARRIVO UN BONUS PER CHI SOSTITUISCE LA COPERTURA IN AMIANTO DELL'EDIFICIO CON UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO
Il Servizio conciliazione, oltre che per elettricità e gas, è esteso all'acqua
LA NOVITÀ DELLA SETTIMANA -E' in arrivo un bonus per chi sostituirà la copertura in amianto del proprio edificio con un impianto fotovoltaico. La dote a disposizione ammonta a 250 milioni di euro. I bandi per l'iscrizione al registro, così come quelli per le procedure d'asta, saranno organizzati in tre gruppi: fotovoltaico ed eolico; impianti idroelettrici, geotermoelettrici; impianti a gas residuati dei processi di depurazione. Agli incentivi potranno accedere: impianti di nuova costruzione inferiori ad 1 MW; quelli oggetto di potenziamento, purché questo sia inferiore ad 1 MW; quelli oggetto di rifacimento di potenza inferiore ad 1 MW. I relativi bandi saranno emanati a partire dal 30 novembre 2018. Tra i documenti da presentare fondamentale sarà il titolo abilitativo alla costruzione e all'esercizio e il preventivo di connessione accettato. I pannelli dovranno avere la stessa superfice del tetto in eternit da sostituire . DEVI SAPERE - Se è troppo rumoroso il lavoro di riparazione delle automobili, il proprietario deve risarcire i danni arrecati alla persona che ha il proprio appartamento esattamente sopra l'autofficina, anche se non dovesse essere provato un danno alla salute. A stabilirlo la Corte di Cassazione chiamata a decidere «se le emissioni rumorose di un'officina meccanica potevano configurare un danno derivante dalla lesione al normale svolgimento della vita familiare». Secondo gli Ermellini «l'assenza di undanno biologicodocumentatonon osta alrisarcimento del danno non patrimonialeconseguente ad immissioni illecite, quando siano stati lesi il diritto al normale svolgimento della vita familiare all'interno della propria abitazione e il diritto alla libera e piena esplicazione delle proprie abitudini di vita quotidiane, quali diritti costituzionalmente garantiti, nonché tutelati dall'art. 8 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo». Il reato di fuga si perfeziona quando il conducente di un'auto che ha investito un pedone o ha provocato un incidente con feriti si allontana o si ferma solo per pochi istanti, senza prestare soccorso e consentire le prime indagini. A stabilirlo la Corte di Cassazione che ha ribadito che la sussistenza o meno di un effettivo bisogno di aiuto da parte della persona investita obbliga sempre il conducente, in caso di incidente stradale con danni alle persone, di ottemperare all'obbligo di prestare assistenza a prescindere dall'intervento di terzi. Conclusa la controversa questione dell'aggiornamento delle norme sul bagaglio a mano, che informa Ryanair entreranno in vigore il 1° novembre. Nei giorni Federconsumatori aveva denunciato all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato l'applicazione retroattiva da parte di Ryanair delle nuove tariffe anche a chi aveva acquistato, prima della modifica, biglietti per voli successivi a tale data. Le clausole applicate da Ryanair, secondo Federconsumatori, erano vessatorie e rappresentavano una pratica commerciale scorretta. La compagnia ha deciso di tornare sui suoi passi, comunicando che i 2 milioni di passeggeri che non hanno acquistato l'imbarco prioritario e che hanno prenotato il volo prima del 31 agosto non dovranno pagare alcun supplemento per il bagaglio a mano registrato da 10 kg. La digitalizzazione casuale di sequenze numeriche da parte di una persona sprovvista di codice Pin di una carta di provenienza illecita configura il reato di indebito utilizzo di carta di credito. Secondo la Cassazione il possesso della carta da parte di chi non ne sia titolare, è sufficiente per configurare il reato indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno. LA PUNIZIONE DEI FURBETTI -Il Servizio Conciliazione, già operativo nel settore elettrico e del gas, è esteso anche al servizio idrico. Se l'utente, dopo aver inviato un reclamo al proprio gestore per risolvere un problema riguardante la fornitura dell'acqua, non ha ricevuto risposta e lo ritiene insufficiente o non è soddisfatto di essa potrà scegliere tra diverse alternative: accedere al Servizio Conciliazione dell'Autorità attraverso il sitoconciliazione.arera.it; rivolgersi allo Sportello per il consumatore Energia e Ambiente per un reclamo di seconda istanza; oppure utilizzare altri strumenti di conciliazione disponibili, anche su base locale. In questa fase transitoria, l'utente potrà comunque rivolgersi direttamente anche alla giustizia ordinaria, non essendo ancora obbligatorio il tentativo di conciliazione come per i settori dell'elettricità e del gas. Dal Servizio Conciliazione restano escluse le tematiche relative alla qualità dell'acqua, legate al bonus idrico e quelle non previste dal Testo Integrato sulla Conciliazione (Tico), come le questioni tributarie o fiscali. DAL MONDO DELLE ASSOCIAZIONI -Al via #Rompilatrasmissione la campagna di informazione di Cittadinanza Attiva sul tema dei vaccini.L'associazione informa i cittadini sui propri diritti e doveri e su come farli rispettare. Attraversola campagna, Cittadinanza Attiva vuole fornire una informazione corretta in ambito vaccinale, dare risposta concreta alle domande dei cittadini, tutelando e garantendo i loro diritti, attraverso iniziative di comunicazione ed informazione più dirette e divenire un punto di riferimento per la tutela e il monitoraggio dell'applica zione delle norme. Adiconsum con Unicredit fa partire il progetto EducAzioni . Obiettivo è quello di accrescere la consapevolezza dei consumatori sui temi di educazione finanziaria attraverso un approccio innovativo. EducAzioni propone un percorso didattico on-line organizzato in moduli che offrono approfondimenti sulle principali tematiche legate al risparmio e all'investimento consapevole, sulle caratteristiche dei principali strumenti finanziari .Illustra inoltre i rischi, le tutele esistenti e le buone pratiche da adottare quando si decide di investire. Per accedere al percorso è sufficiente scaricare gratuitamente l'App EducAzioni da Apple store o da Google play. I video sono inoltre disponibili su Youtube e sui canali Facebook, Twitter e Istagram di Adiconsum.