scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
13/07/2021

Locride Ambiente: rifiuti, appalto poco chiaro

Gazzetta del Sud

La ditta sidernese sulla rinuncia all' appalto bandito dal Comune di Rosarno
Sulle procedure di gara la ditta aveva chiestol'in te rven to dell' Autorità anticorruzione «Deciso di non presentare la documentazione per lealtàe trasparenza rinunciandoa una cifra più che considerevole»
Giuseppe Lacquaniti ROSARNO " In riferimento all' articolo da Rosarno:" Differenziata, il Comune ci riprova" con il quale si comunical' indizione di una gara di appalto perl' aggiudicazione della raccolta differenziata, Locride Ambiente SpA intende chiarire alcuni passaggi essenziali, collegati all' esperienza che, come azienda, ha vissuto negli anni scorsi». È quanto sostiene in una notal' impresa sidernese, secondo cui «nel servizio si fa, genericamente, riferimento al particolare che Locride Ambiente non ha presentato una certa documentazione. Opportunamente nel corpo dell' articolo si afferma, poi, che Locride Ambiente non ha presentato la documentazione dopo aver vinto una gara di milioni di euro. Circostanza temporalmente riferibile all' anno 2020. Si rileva una discrepanza, perché sembrerebbe che Locride Ambiente sia stata esclusa adesso dalla gara, per non aver presentato documenti necessari.È nonè affatto così». La ditta sostiene, pertanto, di essere costretta «a ribadire che la società, dopo avere vintol' appalto di6 milioni dieuro, attraversouna seriedi condotte,e di interlocuzioni con organi istituzionali, conl' amminist razione comunale all' epoca insediata,producendo atti scrittie formali, aveva manifestato serissimi dubbi circa la regolarità della procedura seguita e, dopo avere informato gli uffici competenti, aveva deciso di non presentare la documentazione, rinunciando, per lealtàe trasparenza, ad una più che considerevole cifra. Aveva, per propria ferma volontà, dunque, rinunciato all' appalto». L' azienda ribadisce «che alcuni passaggi della procedura nonl' avevano convintae di questo si era resa interprete, chiedendol' intervento anche dell' Autorità anticorruzione. Nelle more del confronto, sempre Locride Ambiente aveva formalizzato la rinuncia al servizio. Da qui la definitiva comunicazione che mai più avrebbemanifestato interesseper ilcantiere di Rosarno». La nota si conclude con la constatazione che «l' esperienza vissutaè stata gratificante per molto tempo, ma oggiè da considerarsi totalmente e irreversibilmente chiusa, per cui non si capisce- scrive Locride Ambiente- la necessità oggi di richiamare una situazione rispetto alla quale la volontà dell' aziendaè chiara».