scarica l'app
MENU
Chiudi
28/07/2020

Lo Stretto, una delle priorità nazionali

Gazzetta del Sud

Si giocheranno nei prossimi giorni le battaglie decisive sul Ponte, tra proe contro,e perl' eliminazione delle baracche
Da martedì le audizionia Montecitorio sulla legge speciale per Messina
ME SSINA Sonoi due fronti della battaglia d' estate. Temi che periodicamente tornano alla ribalta: Pontee baracche, baracchee Ponte. Mai come oggi, queste due vicendes' intrecciano nell' agenda politica nazionale, regionalee locale. Sul fronte del risanamento, in ballo ci sono una legge speciale,i poteri da affidarea un commissario in deroga alle norme sugli appalti pubblici e, soprattutto, una dotazione finanziaria di 250 milioni di euro con la quale procedere al definitivo sbaraccamento. L' iter parlamentareè stato già avviato, martedì prossimo cominceranno le audizionia Montecitorio. Davanti ai componenti della Commissione Ambiente della Camera si presenteranno il sindaco Cateno De Lucae il presidente dell' Agenzia del risanamento Marcello Scurria. Nella seduta successiva la Commissione sentirà il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci. Sull' altro fronte, un ampioe trasversale schieramento chiede che il Ponte venga inserito tra le opere prioritarie legate al Recovery Fund. Il 31 luglioa Messina ci sarà un' iniziativa nazionale, il flash mob organizzato dalla Rete civica per le infrastrutture nel Mezzogiorno: «Siciliae Calabria rivendicanol' Alta velocità,l' att raversamento stabile dello Stretto, le Zone economiche speciali, il rafforzamentoel' integrazione dei sistemi aeroportuali esistenti, la digitalizzazionee la banda larga». Pagina 21