scarica l'app
MENU
Chiudi
02/07/2020

Lo stipendio del sindaco finanzia sessanta progetti di volontariato

Corriere del Veneto - Giacomo Costa

Il fondo solidarietà
I primi classificati In cima alla graduatoria Croce Verde, Unitalsi e Avapo: compreranno attrezzature
Già adesso sono più di 400 mila euro, tra tre mesi sfioreranno mezzo milione. Il «fondo di solidarietà» promesso dal sindaco Luigi Brugnaro e ricavato accantonando il compenso da primo cittadino già dalle prossime settimane sarà assegnato a una sessantina di associazioni ed enti del volontariato. Ieri, dalla smart control room del Tronchetto, Brugnaro, l'assessore alla Coesione sociale, Simone Venturini, e il direttore comunale Maurizio Carlin hanno spiegato criteri e obiettivi delle assegnazioni. «Sto mantenendo la promessa fatta in campagna elettorale - ha detto Brugnaro - ho voluto che venisse predisposto un bando pubblico per garantire la massima trasparenza dell'istruttoria». Dal 2015 al 31 maggio 2020 le risorse accantonate dal sindaco - anche per il suo ruolo in Biennale - sono state 383.376 euro a cui andranno aggiunti, fino al termine della consiliatura, circa 50 mila euro. Altri 62 mila euro arrivano delle quote percentuali di assessori e presidente del consiglio comunale, mentre è di 28 mila euro lo stipendio devoluto dal c o m p i a n t o c o n s i g l i e r e comunale Paolo Pellegrini. «A memoria, è la più grande operazione a sostegno del volontariato comunale degli ultimi 15 anni - ha detto Venturini - svolta con stile e nella massima trasparenza». Tutte le realtà hanno potuto partecipare al bando per l'assegnazione dei contributi - si sono presentate in 165 e ne sono state ammesse 149 - a patto di presentare un progetto ragionato in cui spendere i soldi. Il bando premia in particolare chi ha deciso di usare il bonus per fare investimenti: sui 60 progetti finanziati dei 149 ammessi, 30 hanno questo carattere e potranno quindi ricevere fino a 13 mila euro, contro i settemila di massimale destinato a chi presenterà spese «vive». I primi tre classificati in graduatoria sono Croce Verde Mestre, Unitalsi Venezia e Avapo Mestre; utilizzeranno i soldi rispettivamente per attrezzature e mezzi di soccorso, per un pullmino attrezzato con pedana, per il trasporto di malati oncologici e la stampa di materiale informativo. Ma oltre ai pulmini, c'è l'ambulanza dei pupazzi di Doctor Clown, la barca attrezzata della lega navale italiana, il parco giochi inclusivo di Uguale, persino il mezzo refrigerato che Anffas vuole sfruttare per trasportare e vendere i biscotti che cucinerà per autofinanziarsi. «Gli esiti del bando verranno pubblicati online e le prime 60 associazioni potranno richiedere un acconto fino al 50% del finanziamento - ha spiegato Carlin - I progetti potranno essere aggiornati entro sette mesi» .