scarica l'app
MENU
Chiudi
29/07/2020

LO SBLOCCO CANTIERI PER LA LIGURIA

MF - NICOLA BRILLO

Rapporto Il ponte della rinascita
Priorità per la Gronda e il nuovo ponte sullo Scrivia in A7
Nel futuro di Genova e della Liguria non ci sarà solo il Ponte della rinascita. Il governo Conte ha varato il «Piano Italia veloce», che introduce misure urgenti per la semplificazione burocratica nella realizzazione dei cantieri pubblici. Un impulso alle grandi opere per modernizzare le infrastrutture del Paese e creare nuovo lavoro. Il decreto ha l'obiettivo di «semplificare, velocizzare, digitalizzare, sbloccare una volta per tutte i cantieri e gli appalti», ha annunciato il premier Conte. All'interno del provvedimento approvato dal consiglio dei ministri ci sono numerose infrastrutture che interessano Genova e la Liguria. A livello nazionale sono 36 le opere commissariate elencate nel piano di infrastrutture messo a punto dal ministero dei Trasporti. Si tratta di 12 opere idriche (dighe o acquedotti) di nuova realizzazione o di messa in sicurezza, 15 opere ferroviarie e 9 infrastrutture stradali. Sono quasi nove i miliardi a favore delle ferrovie a livello nazionale. Tra le opere prioritarie in Liguria, inserite nel decreto come strategiche, è previsto l'upgrading infrastrutturale e il collegamento con l'aeroporto di Genova, il nodo di Genova (bloccato dal fallimento di più imprese) e il Terzo Valico dei Giovi, oltre all'alta velocità Milano-Tortona-Genova e Torino-Alessandria-Genova. Inserita anche la velocizzazione della Torino/Milano-Genova, cui è collegato il quadruplicamento della Milano-Pavia e la Pontremolese. Tra le direttrici ferroviarie è in progettazione di fattibilità anche l'Alta velocità tra Genova e Ventimiglia. Per quanto riguarda le autostrade viene ribadita la priorità della Gronda di Genova e il nuovo ponte sullo Scrivia in A7, che verrà demolito e ricostruito. La Gronda di Genova torna dunque una della priorità del Paese, dopo che l'analisi costi benefici e l'analisi giuridica fatte realizzare dall'ex ministro Toninelli avevano imposto uno stop alla nuova autostrada a nord del capoluogo ligure. «Diamo poteri regolatori a tutte le stazioni appaltanti: non serve necessariamente un commissario per procedere velocemente, ma prevediamo che in casi complessi sia possibile nominare commissari sulla scia di Expo e del Ponte Genova», ha spiegato Conte. I numeri forniti recentemente dalla Commissione Ue sulle stime di crescita dei paesi europei nel 2020 condannano l'Italia ad un crollo del Pil pari a -11,2%, il peggior calo in Europa. Serve dunque un piano per riattivare l'economia nazionale. Per quanto riguarda i porti, le novità riguardano in particolare l'ultimo miglio stradale, l'ultimo/penultimo miglio ferroviario, ma anche l'efficientamento energetico e ambientale e i servizi crocieristici e passeggeri, che vedono Genova e Savona protagonisti. Per quanto riguarda il trasporto pubblico locale a trazione alternativa, ciclovie, metro, tranvie, filovie e ferrovie urbane, La Spezia è stata compresa nel finanziamento dei progetti insieme ad altre città. Le novità introdotte dal Decreto Semplificazioni, in tema di contratti pubblici ed edilizia, sono valide fino al 31 luglio 2021. Grandi opportunità per il rilancio sono ad esempio nel settore edile lavori e cantieri senza gara d'appalto sotto i 150 mila euro e lavori affidati direttamente alle ditte. E poi la procedura negoziata da 150 mila a 5 milioni di euro. Procedura senza bando di gara per lavori fino a 5 milioni di euro e procedura senza bando di gara in caso di urgenze derivanti dall'emergenza Covid. Favorita anche la rigenerazione urbana, con procedure più veloci per demolizioni e ricostruzioni che non prevedono maggior consumo di suolo, con incentivi e riduzione del contributo da pagare ai Comuni. (riproduzione riservata)

RETE AUTOSTRADALE E STRADE DI RILEVANZA NAZIONALE

RETE FERROVIARIA DI PRIORITARIO INTERESSE NAZIONALE

Fonte: Ministero delle Infrastrutture e Trasporti