scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
01/06/2021

Lite sui distributori di bevande Il Tar conferma l’appalto Usl

QN - Il Resto del Carlino

Il Tar di Parma ha respinto il ricordo del Gruppo Argenta, confermando l'aggiudicazione dell'Azienda Usl di Reggio e condannando la ricorrente a rifondere le spese del giudizio all'amministrazione e al Gruppo Illiria, uscito vincente da questa causa legata all'appalto del servizio di distribuzione automatica di bevande e alimentari, per oltre 11 milioni di euro. L'appalto riguarda l'installazione di 251 distributori automatici di bevande e alimenti preconfezionati negli ospedali e nelle strutture territoriali dei distretti sanitari di Reggio, Guastalla, Montecchio, Correggio, Scandiano e Castelnovo Monti, per un valore della concessione di 11,8 milioni di euro, per otto anni di durata. Un bando aggiudicato al Gruppo Illiria Spa. Il gestore uscente, Argenta, non aveva accettato l'esito della gara, impugnato il provvedimento di aggiudicazione al Tar di Parma, sostenendo che la Commissione giudicatrice aveva commesso errori di valutazione nell'assegnazione dei punteggi agli operatori economici, chiedendo al giudice di rivalutare il contenuto della offerta tecnica. Gruppo Illiria, assistito dall'avvocato Andrea Cudini, ha invece difeso l'aggiudicazione osservando che le valutazioni della Commissione erano corrette. Con la sentenza pubblicata nei giorni scorsi, il Tar ha respinto il ricorso del Gruppo Argenta, confermando dell'Azienda Usl. A fare la differenza nell'offerta risultano essere stati i pagamenti di Illiria, con chiavette elettroniche di ultima generazione, in grado di gestire per ogni singolo utente il numero di calorie acquistate/consumate giornalmente sui distributori automatici e con la possibilità di impostare un limite giornaliero superato il quale non sia più possibile effettuare altri acquisti, oltre all'app Coven per tutti i telefoni cellulari.