scarica l'app
MENU
Chiudi
24/04/2020

Liquidità alle imprese in un bando Camera di commercio in campo

QN - Il Giorno

PAVIA di Stefano Zanette La Camera di commercio di Pavia stanzia 800mila euro per "Fai Credito - Fondo abbattimento interessi". «Questo bando - spiega il presidente camerale pavese, Franco Bosi - è finalizzato a facilitare l'ottenimento di liquidità da parte delle imprese, così duramente colpite dalla drammatica emergenza sanitaria in corso. L'intervento si sostanzierà in un abbattimento dei tassi di interesse per i prestiti richiesti dalle imprese del territorio, che in questo momento hanno grande necessità di liquidità per sostenere la propria continuità aziendale nonché l'occupazione e consentire, quindi, la ripartenza del sistema economico». Il bando, a livello regionale, mette a disposizione complessivamente 11 milioni e 600mila euro, di cui 2,5 milioni stanziati da Regione Lombardia e 9 milioni e 100mila euro dal Sistema camerale lombardo, tra cui appunto 800mila euro stanziati dalla Camera di commercio pavese, un milione da quella di Milano, Monza Brianza e Lodi, 700mila euro da quella di Cremona. «Il bando Fai Credito - spiega la nota camerale - si pone l'obiettivo di ridurre il pricing dei finanziamenti concessi alle Pmi lombarde di tutti i settori. L'iniziativa è realizzata in accordo con Regione Lombardia, assessorato allo Sviluppo economico e assessorato all'Agricoltura, alimentazione e sistemi verdi, all'interno degli interventi sul credito, nell'ambito dell'Accordo per lo sviluppo e la competitività del sistema economico lombardo». L'iniziativa è rivolta a micro, piccole e medie imprese lombarde che hanno stipulato un contratto di finanziamento di durata superiore ai 12 mesi a partire dal 24 febbraio scorso e prevede agevolazioni nel limite di 100mila euro per operazioni di liquidità di importo minimo pari a 10mila euro. Le facilitazioni per le imprese riguardano l'abbattimento degli interessi fino al 3% e fino a un massimo di 36 mesi, con un massimale di 5mila euro. È inoltre riconosciuta una copertura del 50% dei costi di garanzia, comprensiva dei costi di istruttoria, fino a un valore massimo di mille euro. Sono ammissibili esclusivamente i finanziamenti con un tasso applicato dall'intermediario finanziario nel limite massimo del 5%. Le domande potranno essere presentate dal 29 aprile, in modalità telematica con firma digitale, sul sito http://webtelemaco.infocamere.it, direttamente dalle imprese oppure attraverso i Cofidi di riferimento. Informazioni e testo del bando sono disponibili sui siti camerali (www.unioncamerelombardia.it e pv.camcom.it). © RIPRODUZIONE RISERVATA