scarica l'app
MENU
Chiudi
03/11/2020

Liquami in mare C’è l’ok di Aqp a gara d’appalto

La Repubblica - Isabella Maselli

L'annuncio
Si fa concreta e sempre più vicina la soluzione al problema dei liquami che scendono a mare, nei pressi della spiaggia barese di Pane e pomodoro, ogni volta che le piogge si fanno più abbondanti. Il cda di Acquedotto Pugliese ha approvato la procedura di gara per un intervento da 23,8 milioni sulla rete fognaria nei quartieri Carrassi, Picone e Madonnella. ● a pagina 7 Si fa concreta e sempre più vicina la soluzione al problema dei liquami che scendono a mare, nei pressi della spiaggia barese di Pane e pomodoro, ogni volta che le piogge si fanno più abbondanti. Il consiglio di amministrazione di Acquedotto Pugliese ha approvato la procedura di gara per un intervento, dell'importo di 23,8 milioni di euro, sulla rete fognaria dei quartieri Carrassi, Picone e Madonnella. I lavori avranno una durata di tre anni dall'avvio del cantiere. La questione della commistione delle acque nere, quelle provenienti dalle abitazioni, e delle acque meteoriche sarà così risolta perché la nuova rete fognaria intercetterà la fogna nera che attualmente va a finire nella condotta che raccoglie le acque piovane, con le paratie che in caso di piogge abbondanti non reggono e il conseguente sversamento maleodorante dei liquami sulla spiaggia. Il progetto, su impulso dell'amministrazione comunale di Bari e in sinergia con la Regione e l'Autorità idrica, prevede la rivisitazione complessiva delle reti fognarie nei quartieri interessati, con la modifica delle dimensioni e dei percorsi di alcune dorsali comprese fra lo stesso Picone e i collettori Alto e Matarrese.
Sul problema è parallelamente al lavoro il Comune con la progettazione di un sistema di filtraggio nell'impianto di fogna bianca che garantirà scarico di acqua pulita.
Aqp ha approvato anche la procedura di gara per la progettazione esecutiva e i lavori di prolungamento della condotta sottomarina, in località Torre Carnosa, sul tratto di lungomare dopo Torre Quetta, a servizio del depuratore di Bari est. La condotta sarà collocata a 30 metri di profondità e prolungata di 1,5 chilometri, consentendo l'allontanamento delle acque depurate a 2,5 chilometri dalla costa. I lavori, per un importo a base d'asta di 8 milioni di euro, avranno una durata di otto mesi dall'avvio del cantiere. Lavori che si aggiungono al progetto da 20,4 milioni di euro per la realizzazione del nuovo impianto di sollevamento fognario Torre del Diavolo, presentato nei mesi scorsi, che sorgerà nel sito adiacente all'attuale impianto, sempre in località Torre Carnosa, sul lungomare sud . Strategico perché raccoglie le acque reflue urbane dei quartieri Murat, Borgo Antico, Madonnella, Japigia, Picone, Poggiofranco, Carrassi, San Pasquale, Carbonara, Ceglie e Loseto, per inviarle all'impianto di depurazione di Bari est.
L'intervento ha l'obiettivo di potenziare il sistema di pompaggio, contribuendo non soltanto a evitare lo sversamento a mare dei reflui in caso di arrivi anomali di portate ma anche a risolvere una serie di problematiche idrauliche.
Complessivamente nell'ultima seduta del cda di Aqp sono state approvate gare per 146,5 milioni di euro, che comprendono anche la fornitura di energia elettrica per gli anni 2022 e 2023 (con un importo a base d'asta di 112 milioni di euro) e l'acquisto di saracinesche per la gestione dei flussi idrici sulle condotte (importo a base d'asta di 610 mila euro). Con un importo di 750 mila euro è stata approvata poi la procedura per l'affidamento relativo all'ampliamento della piattaforma tecnologica del Sistema informativo territoriale (Sit) aziendale, per permettere la gestione dei continui aggiornamenti del patrimonio informativo delle reti gestite da Aqp e di integrare soluzioni tecnologiche innovative per la navigazione sul territorio gestito, oltre che la misurazione degli elementi di rete e impianti, l'interrogazione delle singole componenti leggendo le informazioni tecniche memorizzate nel Geodatabase. L'obiettivo è una gestione delle reti sempre più avanzata in grado di rendere disponibili le massime potenzialità di interoperabilità ed integrazione con gli altri sistemi informativi aziendali o di altri enti e organizzazioni esterne che interagiscono con Aqp.
E proprio nelle ultime ore Italgas ha manifestato il proprio interesse per la gestone dell'Acquedotto Pugliese nel progetto destinato al risanamento delle reti idriche. Lo ha confermato l'amministratore delegato Paolo Gallo, spiegando che «è una gara per lo sviluppo e il miglioramento della rete, siamo molto bravi a ridurre le perdite e pensiamo che la nostra tecnologia si possa estendere a reti più estese con significativa riduzione delle perdite».
©RIPRODUZIONE RISERVATA
I punti 1 l problema Lo scarico dei liquami sulla spiaggia si verifica quando le piogge causano la commistione di acque nere e bianche 2 'intervento Aqp ha approvato la procedura di gara per la rivisitazione della rete fognaria a Carrassi, Picone e Madonnella 3 lavori Dureranno tre anni. Ok anche alla gara per il prolungamento della condotta sottomarina

Foto: kPane e pomodoro bloccata


Foto: kMai più stop Il rifacimento delle rete fognaria impedirà a fine lavori i blocchi alla balneazione