scarica l'app
MENU
Chiudi
05/03/2020

licenziamenti di stato

Il Tirreno - lavoro e futuro

Nella riunione sulle procedure di licenziamento collettivo per le lavoratrice e i lavoratori del settore degli appalti di pulizia e decoro degli istituti scolastici statali al Ministero del Lavoro, i due Ministeri coinvolti, hanno formulato ancora una volta una ipotesi di rinvio del confronto. Al termine il Ministero, a nome dei due Ministeri coinvolti, ha proposto un verbale che non conteneva ipotesi di soluzioni tali da poter rispondere alle esigenze di tutela della continuità dell'occupazione e del reddito per le 4.000 lavoratrici e lavoratori esclusi dal processo di internalizzazione attuato dal Miur. Le associazioni datoriali e le imprese hanno comunicato la volontà di interrompere il confronto dimostrando di perseguire solo il loro interesse economico. Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti Uil, ritengono al contrario il confronto non esaurito e pretendono: dal Governo, l'assunzione di responsabilità, fino ad oggi assente, per trovare soluzioni, strumenti e risorse per garantire continuità occupazionale e di reddito. Dal Miur un'assunzione di responsabilità anche per i gravissimi problemi determinati dai comportamenti e dagli atti avuti dal Ministero e dal Governo. Dal Ministero del Lavoro il proseguimento nell'impegno a individuare gli strumenti utili a garantire le tutele e strumenti di sostegno; dalla presidenza del Consiglio, un coinvolgimento diretto e concreto per agevolare soluzioni necessarie a evitare 4000 licenziamenti da ascrivere alla responsabilità dello Stato. I sindacati rifiutano ogni interruzione del tavolo di trattativa preannunciano tutte le iniziative per denunciare detta situazione.Cinzia Bernardini Filcams-Cgil Fabrizio FerrariFisascat-CislMarco VerzariUiltrasporti-Uil