MENU
Chiudi
25/07/2018

L’EX BAGNO delle forze armate, collocato tra ‘Para…

QN - Il Resto del Carlino

L'EX BAGNO delle forze armate, collocato tra 'Paradiso' e 'Taormina', a Marina di Ravenna, è passato sotto la giurisdizione dell'amministrazione comunale. Dopo 15 anni di trattative infruttuose, nei giorni scorsi l'assessore Massimo Cameliani ha chiuso l'accordo: la proprietà resta in capo al Demanio, ma l'uso è affidato al Comune, che ora può avviare l'iter per mettere a gara la concessione dello stabilimento balneare. Si fa così concreta l'opportunità di superare il pesante degrado che incombe sull'ex bagno. L'unico intervento di manutenzione, compiuto dal ministero della Difesa in questi anni, è stato quello di sostituire la recinzione realizzata con la classica fascia biancorossa di plastica. Nel tempo lo stabilimento balneare era diventato ritrovo di senza tetto e, soprattutto, un luogo pericoloso per i bambini che frequentano i due stabilimenti confinanti, il Taormina e il Paradiso. Ora può essere avviato l'iter per la concessione. «Siamo legati alle previsioni del Piano dell'arenile - dice Cameliani - e quindi il bando sarà rivolto ai titolari di concessioni che hanno i bagni in luoghi con problemi di erosione. Da Savio a Casal Borsetti parliamo di una trentina di strutture. Se uno di questi imprenditori si aggiudicherà il bando, è molto probabile che già dalla prossima estate rivedremo aperto lo stabilimento. Ma per partecipare al bando bisogna dichiarare di lasciare la concessione del proprio stabilimento in zona di erosione e non so in quanti se la sentiranno di fare questo passo». IL PIANO B - nel caso in cui il primo bando vada deserto - è quello di approvare una variante al Piano dell'arenile per poter bandire una gara per la concessione aperta a tutti. In questo caso la gara sarà aggiudicata, ma con la premessa che l'assegnazione della concessione ci sarà soltanto nell'aprile del 2019 quando il Consiglio comunale avrà approvato la variante, con poco tempo, quindi per eseguire i lavori di ristrutturazione dell'edificio. In questo caso si slitterà all'estate 2020. In ogni caso l'ex bagno dei militari si appresta a vivere una seconda vita, molto più gloriosa di quella attuale. l. t. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore