scarica l'app
MENU
Chiudi
20/11/2020

L’ex assessore rischia di pagare il conto degli alberi natalizi

La Stampa

Alassio: la spesa risale al 2013 IL CASO
Rischia di doverli pagare di tasca propria, l'ex consigliere e poi assessore al Commercio Lucia Leone, gli alberi natalizi posizionati per addobbare Alassio nel periodo di Natale di sette anni fa. Una vicenda finita a colpi di carte bollate e ora nelle mani della giustizia ordinaria. La ditta alassina Regonini sostiene di aver avuto un rapporto contrattuale d'appalto con il Comune di Alassio in forza del quale avrebbe quindi provveduto ad addobbare le aiuole della cittadina. L'ente pubblico, chiamato in causa, non riconosce però alcun addebito, in particolare una fattura da oltre 10 mila euro che ora la Regonini ha chiesto che venga pagata. La ditta, affidandosi ad un legale, ha bussato alle porte del tribunale di Savona per incassare la somma relativa ai lavori effettuati nel 2013. Il Comune però si oppone contestando l'assenza di un contratto, l'assenza di un conferimento di incarico in favore dell'impresa, la nullità del contratto per difetto di forma scritta. In sostanza non vi sarebbe alcuna prova che tra ente e impresa sia stato concordato un contratto d'appalto. Inoltre non esisterebbe alcun atto politico e amministrativo per le prestazioni addebitate dalla Regonini. Di fatto il mandato sarebbe stato dato direttamente dalla consigliera senza avallo degli Uffici preposti e della giunta comunale. L'ente pubblico inoltre fa leva e sull'articolo 32 dei Codice degli appalti che ricorda come «qualora fosse provata l'esistenza di un contratto concluso oralmente questo sarebbe da considerare nullo». Quindi la società non avrebbe alcun diritto ad incassare gli oltre 10 mila euro. Il giudice savonese Laura Serra che ha preso in esame la questione ha rifiutato la «provvisoria esecutorietà del decreto ingiuntivo». Una seconda udienza è fissata per il 5 marzo del prossimo anno. Se il Comune venisse condannato a quel punto potrebbe chiamare in causa l'ex assessore Leone che sarà costretta a pagare in solido gli addobbi natalizi del 2013.