scarica l'app
MENU
Chiudi
17/06/2020

Leon: «Il Comune non rinegozia i mutui Scelta responsabile»

Messaggero Veneto - g.z. g.z.

san giorgio della richinvelda Katia Aere testimonial di "Obiettivo tricolore" da Palmanova a Bibione il caso
SAN GIORGIO della richinveldaUna scelta responsabile verso le nuove generazioni: definisce così il sindaco Michele Leon la decisione assunta dall'amministrazione comunale di non rinegoziare i mutui accesi in passato dall'ente con Cassa depositi e prestiti, concessa dal governo in tempi di emergenza Covid-19.«Rinegoziarli avrebbe significato per noi avere un po'di ossigeno economico nei primi anni e poi lasciare alle generazioni future debiti, fatti in passato, che già stiamo pagando - dice Leon -. Sottolineo che la scelta, è stata fatta anche perché la maggior parte dei nostri mutui si estinguerà entro pochi anni. Se invece li avessimo rinegoziati la scadenza poteva raggiungere il 2043, lasciando le mani legate alle nuove generazioni e ai futuri amministratori». «Avremmo potuto farlo - aggiunge Leon - a maggior ragione avendo la piena maggioranza in consiglio comunale, ma la nostra è stata una scelta di responsabilità».«Stiamo mettendo anima e corpo per poter cantierare nuove opere e quindi immettere liquidità nel sistema per sostenere concretamente le aziende e nei prossimi mesi i cittadini vedranno nuovi cantieri partire», precisa il sindaco sangiorgino critico anche verso il governo giallorosso reputando come insufficienti queste misure e lanciando la proposta di tre necessarie riforme strutturali: «Semplificazione del codice degli appalti, aumento della soglia per gli affidamenti diretti, concessione di risorse a fondo perduto ai comuni in base al numero degli abitanti per migliorare le strutture pubbliche». «Solo in questo modo - conclude Leon - si sostiene e si incentiva la crescita creando competitività».-g.z.© RIPRODUZIONE RISERVATA