MENU
Chiudi
07/11/2018

Le piene fanno tremare il ponte di Bassano

La Verita' - ROBERTO FABEN

• L'INCUBO CHE TORNA
I lavori di restauro dell'opera del Palladio fermi da tre anni per l'inadempienza di un'azienda appaltatrice. Ora dovrebbe subentrare un'altra ditta. Ma intanto l'ultima ondata del Brenta ha evocato lo spettro di quella del 1748, che lo fece crollare Pochi giorni fa laforza d'urto delfiume è stata violentissima Nel 1966 l'alluvione causò danni gravi In otto mesi l'opera venne ricostruita
• L'ultima ondata di piena del Brenta di fine ottobre ha evocato lo spettro di quella, disastrosa, del 19 agosto 1748, quando il ponte di Bassano del Grappa, noto anche come Ponte Vecchio o Ponte degli Alpini, progettato nel 1569 dal celebre architetto Andrea Palladio, cedette all'impeto delle acque e crollò, per poi essere ricostruito, con disegno fedele all'originale, da Bartolomeo Ferracina, Anche stavolta la forza d'urto del fiume arrabbiato, con tronchi d'albero minacciosamente diretti verso i suoi piloni di sostegno, è stata violentissima. Ma il ponte dove le truppe alpine, durante la prima guerra mondiale, marciarono cantando «non posso far di manco / di piangere e sospirar», dirette alle trincee sull'altopiano di Asiago, fortunatamente ha tenuto. Non si è trattato di un miracolo, tuttavia. Nel corso dell'estate una ditta, la Zara, di Dolo (Venezia), è stata incaricata dal Comune, «con somma urgenza», di puntellare i sostegni verso Ovest, piantati nel Brenta, dopo un drammatico resoconto delle perlustrazioni dei sommozzatori. Appena in tempo, probabilmente, per arginare lo spauracchio di quelle «brentane», ripetuta causa di distruzione della struttura, di cui si ha notizia dell'esistenza già nel 1209 e che ricevette l'ultimo colpo di grazia il 17 febbraio 1945, quando fu distrutto da un'esplosione. La sua ricostruzione fu eseguita ancora replicando il progetto di Andrea Palladio e a realizzare i lavori contribuirono le «penne nere», gli alpini reduci di guerra che si prodigarono con il loro sacro copricapo. All'inaugurazione, il 3 ottobre 1948, presenziò Alcide De Gasperi, all'epoca presidente del Consiglio. Ancora una tremenda prova per il ponte martire si verificò con l'alluvione del 4 novembre 1966, con seri danneggiamenti, poi riparati. Tra il 1990 e il 1993 fu eseguita un'azione di consolidamento. Fino al 2015, quando i sopralluoghi dimostrarono che l'opera simbolo di Bassano, a cinque campate, con fondamenta in legno e pavimento in pietra, oggi monitorata con sensori 24 ore su 24, invocava un aiuto per scongiurarne il cedimento. Il Comune vicentino fu risoluto nell'andare a caccia di risorse. E le reperì. Tre milioni di euro dal ministero dei Beni culturali, 1,7 dalla Regione Veneto, 1 milione dalla Fondazione Cariverona e 1 dalle proprie casse. In tutto 6,7 milioni. Per il progetto furono coinvolte l'università di Padova e La Sapienza di Roma. Fu indetta una gara, vinta dalla Nico Vardanega Costruzioni di Possagno (Treviso), con conseguente affidamento di lavori alla stessa. E a questo punto inizia l'impasse. La Vardanega, che riceve un anticipo di oltre 800.000 euro, avvalendosi della formula dell'«awalimento», subappalta, pur legalmente, i lavori a un consorzio di Aversa (Caserta), Al.Ma., ma i funzionari comunali osservano rallentamenti e stranezze in avvio dei lavori. Il Comune firma gli atti per la revoca dell'incarico alla Vardanega e assegna l'appalto alla seconda azienda in graduatoria, la Inco, di Pergine Valsugana (Trento). La prima aggiudicataria non ci sta e presenta ricorso al Tar, che da ragione al Comune. Interviene anche il Consiglio di Stato, con conseguente spostamento in avanti del via libera per la seconda azienda. E così la comunità bassanese volge ogni giorno un corrucciato sguardo al suo ponte - che in fatto di bellezza fa concorrenza al Ponte Vecchio di Firenze -, stoico e afflitto dalla furia delle piene sul cui pavimento, ora transennato e coperto di assi di legno, transitano turisti e innamorati che sospirano tra gli effluvi delle grapperie. Tre anni di attesa per inadempienze di una ditta e conseguente guazzabuglio burocratico. Ai tempi di De Gasperi, l'opera fu ricostruita in 8 mesi e 17 giorni. Ora, però, la speranza si riaccende e, ci aggiorna il sindaco Riccardo Paletto, «il tribunale di Vicenza ha intimato alla Vardanega la restituzione degli 800.000 euro dati in anticipo e una sanzione di 453.000 euro, Iva esclusa, pari al 10 per cento del valore del progetto, per la mancata esecuzione dei lavori, come previsto dal Codice degli appalti». Restauro e consolidamento saranno eseguiti dalla Inco, con costo di circa 4 milioni, molto inferiore a quello inizialmente previsto. Le guaine provvisorie della copertura saranno sostituite con i coppi originari e rimesse le antiche lastre in pietra miste ad acciottolato sul camminamento. I lavori, incrociando le dita, inizieranno in dicembre Ma per la loro conclusione, Bassano dovrà attendere ancora due anni. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore