scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
17/04/2021

Le Chirurgie del Dipartimento a una gestione privata

La Gazzetta Del Mezzogiorno

Ma il Tribunale del malato stronca il piano del Policlinico: «Operazione priva di trasparenza»
l Il Dipartimento per l ' emergen za-urgenza (Deu) è costato 65 milioni ai contribuenti, ma la somma non prevede anche le risorse per allestire i reparti all ' interno. Per questo la Regione, in ossequio a quanto prevede il Codice degli appalti, prevede di realizzare le sale operatorie al sesto piano della struttura attraverso un affidamento in accordo di partnership pubblico-privato. Due i progetti presentati, al momento resta in piedi quello della multinazionale Althea Italia (dopo il ritiro della società NGG), leader nella gestione delle tecnologie biomediche, che propone un intervento di 20 milioni. Althea, quando il policlinico presenterà il bando, potrà esercitare il diritto di prelazione in caso di offerta di altra impresa per lo stesso importo. E se si aggiudicasse l'appalto avrebbe diritto alla gestione delle manutenzioni per 10 anni, contrariamente ai 5 previsti nelle gare d'appalto standard. Ma al momento c ' è solo la delibera e una procedura di validazione del progetto propedeutica alla pubblicazione del bando. L ' operazione tuttavia non piace al Tdm che parla di «operazione priva di trasparenza da parte dell ' ammi nistrazione dei Riuniti». «Per un ' ope razione così vistosa - rileva la responsabile, Maria Rosaria Castrignanò - bisognava confrontarsi prima con il Comune di Foggia, i Sindacati e con le organizzazioni dei cittadini (quelli che pagano le tasse)». Secondo il Tribunale dei diritti del malato l ' operazione di partnership sarebbe anche la «prova provata - si legge in una nota - che il nuovo DEU non poteva entrare in funzione negli ultimi tre anni e spiega i continui rinvii per l ' apertura. Ad oggi nell'immobile - rivela il Tdm - vi sono solo alcuni reparti, compresi la Chirurgia Toracica e Vascolare e i pazienti vengono trasportati in ambulanza all'esterno presso distanti sale operatorie per poter effettuare gli interventi! Ovviamente con forte rischio per la salute dei soggetti operati».