scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
08/06/2021

LAVOROA PERDERE…

Panorama - Carlo Cambi

LA VERA EMERGENZA /1
Con la fine del blocco dei licenziamenti rischiano di restare a casa da 500 mila a due milioni di persone tra dipendenti, autonomi, contratti a termine. E il disagio occupazionale può diventare violenza.
Articolo uno della Costituzione: «L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro». Sì, ma quale? E quanto e per quanto tempo? Sul lavoro che non c'è è iniziato un inquietante conto alla rovescia. Sta per saltare il tappo dei licenziamenti: il 30 giugno, dopo oltre un anno di blocco, le aziende grandi che non chiedono cassa integrazione Covid possono mandare a casa i dipendenti; il 31 ottobre saranno libere anche le piccole aziende e quelle che utilizzano il Fis (Fondo d'integrazione salariale) o la cassa in deroga. I numeri sono impietosi. Il segretario della Uil Pierpaolo Bombardieri stima che si avranno tra 500 mila e 2 milioni di posti di lavoro in meno se non ci sarà una riforma degli ammortizzatori sociali. Che sono cresciuti come una metastasi del Welfare: dalla Naspi (indennità di disoccupazione) al reddito di emergenza anche per chi lavorava in nero, a quello di cittadinanza che si porta dietro abusi e un fallimento: le politiche attive del lavoro naufragate con i navigator e col licenziamento, quello sì per giusta causa, del professor Mimmo Parisi dall'Anpal (l'Agenzia per il lavoro). Questo castello di ammortizzatori pesa sul bilancio dell'Inps quasi a fiaccarlo e pare cinico notare che un sospiro di sollievo l'istituto presieduto da Pasquale Tridico lo ha tirato per l'ecatombe (oltre 126 mila morti: terzi al mondo per tasso di letalità) da coronavirus che fa risparmiare 11,9 miliardi di pensioni, il 5,4 per cento del totale. Ma sono una goccia nel mare cui si assomma un'attesa messianica dei soldi del Recovery pian che arriveranno a licenziamenti già esplosi. Lo stesso Tridico ha presentato i conti: 4,3 miliardi di ore di cassa integrazione autorizzati (l'anno prima, 259 mila!) con una spesa che oltrepassa i 22 miliardi. Peraltro i lavoratori assistiti ci hanno rimesso 8 miliardi. Un po' di soldi sono i fondi Sure (un prestilo ad hoc della Commissione europea: 16 miliardi su 27,4 che ci sono stati accordati). L'Istat l'ultima foto dell'Italia seduta in panchina l'ha scattata in aprile. Nonostante il blocco dei licenziamenti, in un anno sono andati in fumo 945 mila posti di lavoro. A pagare il prezzo più alto autonomi (355 mila in meno) e contratti a termine (372 mila in meno), ma sono «spariti» anche 218 mila dipendenti a tempo indeterminato con una falcidia di giovani e donne. A questo conto mancano le partite Iva che hanno chiuso i battenti: 170 mila, cui si aggiungono 30 mila professionisti. Un indicatore del disagio occupazionale sono due settori che con grande fatica ora provano a ripartire: nella lunga filiera eventi e matrimoni si stima che ci sia una possibile crisi occupazionale per 546 mila persone, nel settore degli spettacoli dal vivo il disagio riguarda almeno 100 mila persone (il 50 per cento delle imprese non riaprirà). Sono il popolo dei mille bauli che si è visto in piazza Duomo a Milano, in piazza del Popolo a Roma. Oggi in Italia si lavora sempre di meno: 22 milioni e 197 mila, il 37,45 per cento della popolazione che deve pagare 17,7 milioni di pensionati il 29,98 per cento degli italiani. Il tasso di disoccupazione § è statisticamente salito poco (non per t gli under 25 che sono al 31,6 per cento), g dal 9,8 al 10,2, ma solo perché l'Istat ha o smesso di contare come disoccupati i | cassintegrati di lungo corso: li consideri ra inattivi, quelli che il lavoro neppure fe lo cercano e sono 717 mila. A questa < contabilità da incubo si aggiungono le < vertenze perenni: dall'Embraco (400 lavoratori senza più speranza), all'Alitalia (i tagli di circa 6 mila occupati), dall'ex Uva di Taranto (in pericolo 12 mila posti) a Air Italy (1.500 senza prospettiva), alla Whirlpool, alla ex Auchan. Ci sono altri 170 mila posti di lavoro in via di liquefazione. Giancarlo Giorgetti, ministro dello Sviluppo economico, cerca un nuovo approccio: creare un fondo per il rilancio delle imprese discutendo in Europa un allentamento dei vincoli sugli aiuti di Stato, difendere i capitali sociali e procedere con le riassunzioni man mano che le aziende ripartono. Ma nel frattempo cresce il disagio sociale. Non passa giorno senza proteste. Alcune anche violente, come davanti a Montecitorio dove i Cobas hanno preso d'assalto i carabinieri, altre emblematiche come il primo sciopero dei lavoratori di Amazon per denunciare condizioni di sfruttamento. Ma risposte che non siano d'emergenza non ce ne sono. Ne è una dimostrazione il pasticciaccio brutto di via Flavia (è la sede del ministero del Lavoro) andato in scena una settimana fa. Il ministro Andrea Orlando aveva annunciato un nuovo blocco dei licenziamenti fino al 28 agosto, poi è stato costretto a ritirarlo. Mario Draghi ha stoppato questa iniziativa che ha scaldato gli animi delle parti sociali e diviso la già disomogenea maggioranza di governo. Confindustria, sia col presidente Carlo Bonomi sia con il vice Maurizio Stirpe, ha contestato Orlando: «È un arbitro che ha la maglia di una squadra». La squadra è quella dei sindacati con Maurizio Landini (CgiI) che ammonisce: «Per noi la partita non è chiusa, c'è il rischio che dal primo di luglio ci siano migliaia di licenziamenti. Il governo ha ascoltato troppo la Confindustria». Il premier è convinto che non si potesse continuare con un blocco indefinito, ma che la misura adottata (le imprese possono attivare la cassa integrazione senza pagare i contributi, ma non possono licenziare) sia un'ottima mediazione. Severe critiche al blocco dei licenziamenti sono arrivate dal professor Pietro Ichino, il massimo giuslavorista italiano: «Ci sono quattro motivi per cui è dannoso. Collocare le persone in cassa integrazione significa condannarle a un periodo lungo d'inoccupazione con progressivo deterioramento della loro re-impiegabilità; si inducono le imprese a non assumere e i lavoratori a non cercare nuova occupazione perché sono parcheggiati in Cig; le persone "messe in letargo" guadagnano molto meno e il quarto motivo, che è il più grave, è il costo di queste misure». E Ichino si chiede: «Mantenere in cassa integrazione un milione di persone costa all'Erario per tutto il 2021 circa 20 miliardi, a cui si aggiungono i successivi oneri pensionistici. Non sarebbe meglio investire questi soldi per mettere in comunicazione al meglio l'offerta con la domanda di lavoro esistente, rafforzando il trattamento di disoccupazione?» In un'intervista al Corriere della Sera Orlando fa capire come il blocco dei licenziamenti sia esiziale per il Pd, pronto anche a bloccare un provvedimento che sta a cuore al centrodestra e cioè la sospensione del codice degli appalti. E ha rilanciato: «Bisogna riformare gli ammortizzatori sociali, il che significa di fatto puntare tutto sulla cassa integrazione, differenziandola». Ma poi estende il contratto di espansione ad aziende di piccole dimensioni scaricando sull'Inps attraverso prepensionamenti e altri costi. La domanda è se i numeri di bilancio di Tridico lo consentono. Sul fronte politiche attive del lavoro invece è tutto un po' fumoso: arriveranno i tre commissari all'Anpal, poi forse i 4,4 miliardi previsti dal Recovery, ma si andrà avanti con i vari redditi: d'emergenza, di cittadinanza. Dal Microcredito - presieduto da Mario Baccini - in presa diretta con Anpal e ministero del Lavoro sono partiti però progetti di lancio e sostegno per le microimprese innovative così da dare uno sbocco ai giovani. Nel frattempo però parte del «capitale umano» di maggior valore scappa. La Corte dei conti ha fatto sapere che negli ultimi 8 anni sono aumentati del 41,8 per cento i giovani laureati andati all'estero a causa «delle persistenti difficoltà di entrata nel mercato del lavoro e con la laurea che non offre maggiori possibilità d'impiego» peraltro con salari troppo bassi. Gaetano Stella, presidente di Confprofessioni, nota: «Nell'ultimo decennio abbiamo perso 735 mila professionisti, con il Covid il quadro è addirittura peggiorato e nelle fasce di età più giovani manca all'appello quasi un milione di persone». Forse più che il blocco dei licenziamenti servirebbe il blocco delle partenze. •

«In Italia corriamo il rischio che dal primo luglio ci siano migliaia di licenziamenti»

Maurizio Landini Segretario generale della Cgil

«Bisogna riformare gli ammortizzatori sociali e puntare sulla cassa integrazione, differenziandola»

Andrea Orlando Ministro del Lavoro

Foto: In alto, la Manifestazione nazionale dei bauli, organizzata dal settore dello spettacolo a piazza del Popolo, a Roma, per protestare contro restrizioni e chiusure. Sotto, a sinistra, tensione fra polizia e lavoratori della FedEx sotto Palazzo Chigi. Qui a fianco, protesta dei lavoratori ex Embraco alla tappa del Giro d'Italia a Torino, 1*8 maggio scorso.


Foto: Sopra, manifestazione dei dipendenti Amazon a Milano, lo scorso marzo, contro le condizioni di sfruttamento dell'azienda.