scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
02/07/2021

Lavori in vista

MF - ELISABETTA RAFFA

ALLA CAMERA DEI DEPUTATI ODG SU RADDOPPIO MESSINA-PALERMO
Al completamento dell'opera mancano 80 km tra Castelbuono e Patti. Proposta della Bucalo (Fdi). "Le risorse per il Sud sono ancora non adeguate", dice. A Webuild la gara da 640 mln per la Fiumefreddo-Letojanni in provincia di Messina
Via libera dalla Camera dei Deputati all'ordine del giorno relativo al completamento del raddoppio ferroviario sulla Messina-Palermo. A presentarlo la parlamentare di Fratelli d'Italia Ella Bucalo, che ha impegnato l'esecutivo Draghi all'ultimazione del doppio binario, con l'ultimazione della tratta Patti-Castelbuono, circa ottanta chilometri mancanti ed ancora ad unico binario. Previsto anche il miglioramento della strada intervalliva tra l'area dei Nebrodi e la provincia di Catania che inizia a Ponte Naso e arriva a Randazzo, per collegarsi infine con l'asse viario veloce che arriva direttamente all'aeroporto di Fontanarossa, diminuendo così i tempi dei tragitti. Un ordine del giorno, quello di Bucalo, nato dopo che la deputata ha sottolineato la carenza dei finanziamenti previsti in Sicilia e nel Meridione per gli interventi destinati a infrastrutture, trasporti e alla Strategia Nazionale Aree interne, a partire dal programma per migliorare l'accessibilità e la sicurezza delle reti viarie. "Le risorse impiegate per le regioni del Sud", ha puntualizzato l'onorevole Bucalo, "risultano essere ancora insufficienti a garantire un adeguato sviluppo infrastrutturale e ad assicurare una connessione efficiente di tutto il territorio italiano, rendendo fluidi e veloci gli scambi commerciali e concorrendo a colmare lo storico divario con il Nord della Nazione". "La provincia di Messina risulta oltremodo dimenticata dagli investimenti infrastrutturali", incalza Ella Bucalo, "in modo particolare le coste tirrenica e nebroidea, dove esiste ancora la linea ferroviaria a binario unico nella tratta Patti-Castelbuono e non ci sono né un aeroporto (i più vicini sono Palermo e Catania) né strade di collegamento veloci per ridurre i tempi di percorrenza". Intanto nei giorni scorsi RFI, controllata del Gruppo FS, ha aggiudicato la gara d'appalto integrato da 640 milioni di euro inerente il raddoppio della tratta Fiumefreddo-Taormina-Letojanni sulla Messina-Catania. I lavori sono stati assegnati a un consorzio di aziende che ha come capofila il colosso Webuild e come imprese mandanti Pizzarotti e Astaldi. Il progetto prevede la costruzione di 15 chilometri di una nuova linea a doppio binario tra Fiumefreddo e Taormina, un collegamento per la stazione di Letojanni e la realizzazione delle stazioni di Fiumefreddo-Calatabiano, Giardini-Alcantara e quella interrata di Taormina. Oggi, infine, l'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone sarà in visita nel Ragusano per l'apertura al traffico di due tratti della Sp 49 "Ispica-Pachino" e della Sp 46 "Ispica-Pozzallo", accompagnato dal commissario del Libero consorzio, Salvatore Piazza. L'ammodernamento delle due arterie, primo stralcio di lavori per un importo di 4,5 milioni, rientra nel piano di potenziamento della viabilità fra il nuovo tratto Rosolini-Ispica dell'autostrada Siracusa-Gela (in procinto di essere inaugurato) e il porto di Pozzallo. (riproduzione riservata)