scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
18/05/2021

Lavori finiti alla Cittadella della salute Via ai collaudi, apertura a settembre

Messaggero Veneto - Donatella Schettini

Il direttore generale Polimeni: «Cronoprogramma rispettato». Bando da 461 mila euro per gli arredi Lavori finiti alla Cittadella della salute Via ai collaudi, apertura a settembre Il direttore generale Polimeni: «Cronoprogramma rispettato». Bando da 461 mila euro per gli arredi
Donatella SchettiniCronoprogramma rispettato per la cittadella della salute: i lavori si sono conclusi, sono in corso i collaudi e a settembre la struttura per i servizi territoriali aprirà i battenti.È una delle due opere del maxi-cantiere di via Montereale: da una parte è in fase di costruzione il nuovo ospedale, dall'altro lato del parcheggio è invece sorta la cittadella della salute, che riunirà i servizi sanitari territoriali e sociali del Comune. Un'opera con tempi di realizzazione minori rispetto all'ospedale.«Stiamo procedendo come da programma - afferma il direttore generale dell'AsfO (Azienda sanitaria Friuli occidentale) Joseph Polimeni - e confermiamo per settembre l'apertura del padiglione che ospiterà le attività territoriali».Di fatto la Cmb di Carpi, l'impresa che si è aggiudicata l'appalto del valore di circa 170 milioni di euro tra ospedale e cittadella, ha terminato i lavori e si sta procedendo in queste settimane con le attività di collaudo, propedeutiche all'allestimento dei locali e all'apertura.Il nuovo edificio è stato realizzato su terreno comunale e l'ente locale ha anche proceduto alla progettazione. Si sviluppa su più piani. Nel seminterrato troveranno posto i parcheggi a disposizione dei lavoratori e al piano terra un'area di front office con una serie di servizi: centro prelievi, farmacia comunale, il Sert (con percorsi e canali differenziati), gli ambulatori delle guardie mediche e il servizio di distribuzione farmaci.Al primo piano si trasferiranno i servizi del distretto urbano: l'anagrafe sanitaria, il consultorio, la neuropsichiatria infantile, la riabilitazione. Al secondo piano, invece, saranno trasferite alcune attività del Dipartimento di prevenzione che si trovano in diversi immobili, tra cui la sede dell'Asfo al Bronx.Il terzo piano della struttura è riservato ai servizi sociali dell'ambito urbano.L'Arcs (Azienda regionale per il coordinamento sanitario) alla fine dello scorso anno ha emesso il bando per trovare i fornitori degli arredi: un appalto da 461 mila euro, esclusa Iva. Oltre a questa richiesta, l'Azienda proprio in queste settimane ha pubblicato altri bandi per individuare i fornitori di ulteriori attrezzature necessarie per completare la struttura. A gestire la fase dell'allestimento è Mauro Marin, direttore del distretto urbano. Per la parte dei servizi sociali provvederà l'amministrazione comunale.Il cronoprogramma prevede che dal 31 luglio si comincino ad allestire gli spazi interni. Per quel che riguarda l'Asfo, ci saranno soprattutto arredi nuovi e per questo alcune ditte, quelle che dovranno realizzare i mobili su misura per determinati servizi, hanno già effettuato i sopralluoghi. «In questa fase - prosegue il direttore generale Polimeni - il dottor Marin sta anche seguendo la parte relativa ai percorsi, una cosa molto importante, e la rimodulazione dei parcheggi».Il cronoprogramma quindi è rispettato e Polimeni conclude mettendo in evidenza come «a settembre la cittadella della salute sarà operativa». Per l'apertura del nuovo ospedale, invece, bisognerà attendere il maggio del prossimo anno. --© RIPRODUZIONE RISERVATA