scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
29/05/2021

Lavori e finanziamenti Netto difende le scelte: «Coerenza nei piani»

Messaggero Veneto - M.Bi.

LA POLEMICA Lavori e finanziamenti Netto difende le scelte: «Coerenza nei piani» LA POLEMICA
CORDENONS«Il candidato sindaco Paolo Peresson denota una scarsa dimestichezza con la formazione di un bilancio comunale oppure una debole strategia preelettorale per dipingere negativamente la nostra amministrazione». L'assessore Giuseppe Netto rispedisce al mittente le "critiche" di Peresson sul modo con cui l'amministrazione cordenonese gestirebbe la ricerca di finanziamenti per le opere pubbliche.Il candidato della Coalizioni civica aveva indicato la partecipazione al bando ministeriale per la rigenerazione urbana, in scadenza la prossima settimana, come la strada per coprire «tutti gli interventi del piano triennale» delle opere pubbliche. Netto puntualizza: «Il bando è relativo a finanziamenti volti a ridurre i fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale e a migliorare la qualità del decoro urbano e ambientale. Assegnerà le risorse prioritariamente ai Comuni che abbiano nel territorio una densità maggiore di popolazione caratterizzata da condizioni di vulnerabilità sociale e materiale. L'indice che caratterizza Cordenons fotografa la nostra città come un'isola felice. Parteciperemo comunque al bando con le opere del triennale che non sono già coperte da contributi».L'assessore rivendica il fatto che il programma delle opere pubbliche «rispetta il principio della coerenza dei progetti con le relative coperture finanziarie e non è il libro dei sogni come lo vorrebbe la minoranza». Ricorda quindi a Peresson che «la possibilità di inserire nel programma interventi su un'area privata come il Makò è vietata dalla legge». Quanto alle scuole, osserva: «Il candidato cade dalle nuvole pur essendo a conoscenza che abbiamo già presentato alla Regione una richiesta di finanziamento di 10 milioni di euro per realizzare la nuova media e che abbiamo già ricevuto contributi per due milioni di euro per interventi alla De Amicis e cinquecentomila euro per l'asilo nido Don Minzoni. Prima di attaccare Peresson argomenti in maniera meno demagogica i suoi interventi». --M.Bi.© RIPRODUZIONE RISERVATA