MENU
Chiudi
24/01/2019

Lavori alla primaria di Sava nuova grana per Valiante

Il Mattino

IL SINDACO E L'EX GIUNTA AVREBBERO AUTORIZZATO A TRE TECNICI ESTERNI 190MILA EURO DI INTERVENTI ATTRAVERSO UNA PROCEDURA PRIVATA
BARONISSI
Paola Florio
Avviso di conclusione indagini preliminari e informazione di garanzia: il provvedimento è stato notificato nei giorni scorsi al sindaco di Baronissi Gianfranco Valiante, al suo vice Anna Petta, a tutta la giunta in carica all'epoca dei fatti: Maria De Caro e Luca Galdi (oggi ex assessori); Serafino De Salvo e Marco Picarone; e Maurizio De Simone, responsabile del settore Patrimonio Ambiente e Lavori Pubblici del Comune. Agli indagati è contestato il reato di abuso d'ufficio per aver violato il codice degli appalti in merito all'affidamento di incarico di progettazione senza svolgere procedura pubblica e procurando un ingiusto vantaggio patrimoniale ai tecnici esterni incaricati.
LA DIFESA
I destinatari dell'avviso possono adesso prendere visione della documentazione ed entro venti giorni presentare memorie e documenti a difesa. Il sindaco Valiante ha dato incarico all'avvocato Cecchino Cacciatore, mentre gli altri sono assistiti da Barbara Pascale. La questione riguarda la scuola primaria Santa Maria delle Grazie di Sava per la quale era stato affidato (con determina) a tre tecnici esterni l'incarico di progettazione per la messa in sicurezza e riqualificazione dell'edificio per un importo di 14mila euro. Successivamente però, senza una specifica determina con la stima del valore del contratto e senza alcuna procedura a evidenza pubblica, prevista per legge per i contratti superiori a centomila euro, gli stessi tecnici avevano avuto l'incarico di elaborare il progetto definitivo dei lavori di abbattimento e ricostruzione di quel plesso. Un intervento di oltre 190mila euro. Tale progetto è stato poi approvato dal sindaco e dalla giunta. Procurando, secondo l'informazione di garanzia, intenzionalmente un ingiusto vantaggio patrimoniale ai tecnici incaricati. Compenso che verrà comunque corrisposto perché il progetto è stato utilizzato per partecipare al bando del Miur per ottenere finanziamenti per interventi infrastrutturali agli edifici scolastici del territorio comunale. Dunque, un'altra grana da affrontare dopo i problemi in maggioranza, che non sembra avere più i numeri; il documento di sfiducia al sindaco è stato protocollato solo due giorni fa da cinque consiglieri di opposizione e dai due di Idea Comune; e a pochi mesi dalla fine del mandato elettorale e dalle prossime elezioni amministrative. Intanto, convocato per oggi pomeriggio il consiglio comunale per la surroga e l'ingresso di un nuovo consigliere in maggioranza dopo l'incarico assessoriale assegnato a Giuseppe Giordano che è andato a prendere il posto di Galdi.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore