scarica l'app
MENU
Chiudi
17/03/2020

Lavori al Bosco della Panfilia Il Consiglio comunale dà l’ok al progetto di pulizia dell’area

QN - Il Resto del Carlino

SANT'AGOSTINO Consiglio comunale rapidissimo, dove è stata approvata la manovra finanziaria che darà il via anche ai lavori di manutenzione del Bosco della Panfilia. «Abbiamo approvato il bilancio entro dicembre, ma non conoscendo l'entità dei trasferimenti dallo Stato con la finanziaria, abbiamo dovuto lasciare solo 155.000 euro per manutenzioni varie - dice il sindaco Roberto Lodi -: adesso invece abbiamo inserito la somma per il Bosco, un progetto molto importante votato all'unanimità: il bando va chiuso entro il 30 giugno e poi via ai lavori». La variazione di bilancio è di 150.000 euro per un progetto che il Comune aveva candidato al bando regionale, classificandosi al quarto posto su 54 in classifica. «La cifra inizialmente è interamente a carico nostro e poi ci verrà restituita dalla Regione. I costi di progettazione, Iva compresa, si aggirano sui 40.000 euro, invece è totalmente a carico nostro una variazione al programma triennale per l'annualità 2020, inserendo nelle opere pubbliche il finanziamento del progetto di riqualificazione del Bosco Panfilia, indispensabile per andare a gara». Il progetto è già pronto e appena pubblicato l'atto del Consiglio comunale sull'albo pretorio, la Centrale unica di committenza aprirà la gara d'appalto. «Il nostro obiettivo è di partire coi lavori in estate sfruttando la buona stagione e terminare al massimo a ottobre». Bosco della Panfilia ha urgente bisogno di manutenzione: sta diventando pericoloso per gli utenti, quasi impraticabile per eventuali soccorsi e vede a rischio anche la crescita del pregiato tartufo santagostinese. Per porre un freno al degrado, il Comune ha proposto questo progetto, accettato dalla Regione, che prevede la pulizia e il ripristino degli stradoni, e, in quel perimetro, anche la pulizia dagli infestanti e la messa in sicurezza di alberi pericolanti. Inoltre ci saranno un paio di aree sperimentali interne che andranno ripulite affinchè le farnie possano nuovamente riprodursi. La speranza di Lodi è che questo sia solo il primo di tanti altri interventi necessari e soprattutto l'inizio per un cambio di norme relative alla gestione del Bosco. Laura Guerra © RIPRODUZIONE RISERVATA