MENU
Chiudi
19/10/2018

Lavori ai campanili del Duomo In 5 mesi riapertura della piazza

Corriere Adriatico

LA RICOSTRUZIONE
CAMERINO Ci vorranno 350 mila euro e almeno cinque mesi di attesa, per vedere rimessi a posto i campanili del Duomo e riaprire al transito pedonale piazza Cavour. Lo si evince dalla determina firmata dall'ingegnere Marco Orioli, responsabile dell'ufficio tecnico comunale con cui si inizia il procedimento che porterà alla gara d'appalto per affidare i lavori. Nel documento si incarica il responsabile dell'ufficio ricostruzione dell'arcidiocesi, l'ingegnere Carlo Morosi, a seguire, dopo la progettazione dell'intervento già fatta lo scorso giugno, la direzione dei lavori.
Le tappe
Il conto dei lavori ammonta complessivamente a 350 mila euro, ora si procederà a fare la gara d'appalto, tramite procedura negoziata e l'invito a cinque operatori a partecipare. L'appalto sarà aggiudicato con il criterio del prezzo più basso, anche se arriverà una sola offerta. Tra i tempi necessari a fare la gara di appalto, ad aggiudicare e consegnare i lavori, per cui sono stati stabiliti tre mesi di durata, si può ipotizzare che le opere di messa in sicurezza potranno essere concluse tra febbraio e aprile del 2019, tempo in cui presumibilmente sarà riaperta la piazza al pubblico. I lavori serviranno per la messa in sicurezza delle torri campanarie del duomo, che sono instabili ed in caso di problemi ricadrebbero su piazza Cavour, mettendo a rischio la pubblica incolumità. Era il 21 aprile quando l'ingegnere Orioli, dopo la forte scossa del dieci aprile scorso, ha effettuato un sopralluogo nella zona della cattedrale, su richiesta della ditta Eugeni Pericle, che stava eseguendo i lavori di messa in sicurezza. «È stato riscontrato l'ulteriore danneggiamento della parete del timpano prospettante sulla via pubblica Emilio Betti, con crolli e distacchi localizzati e minaccia di ribaltamento della stessa. Pertanto è stata disposta l'immediata esecuzione delle opere strettamente necessarie alla messa in sicurezza della parete in oggetto finalizzate alla salvaguardia della pubblica incolumità», scrive Orioli nell'atto.
Gli interventi
Sulla parte del timpano verso via Betti, è intervenuta la ditta Eugeni Pericle. Il 27 aprile una lettera al Comune dell'ingegner Carlo Morosi segnala un aumento delle lesioni di fessurazione della porzione di base del campanile, evidenziando la necessità di ulteriori opere di messa in sicurezza. Da qui prende avvio la progettazione, presentata da Morosi a fine maggio, il nulla osta della Regione a metà giugno, quello della Soprintendenza soltanto lo scorso 13 settembre. A sei mesi dalla nuova chiusura di piazza Cavour, si vede uno spiraglio per l'inizio dei lavori, che dovrebbe avvenire entro qualche settimana, per poi terminare salvo imprevisti, nei primi mesi del nuovo anno.
Monia Orazi
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore