scarica l'app
MENU
Chiudi
08/02/2020

Lavori a Punta Sant’Anna «Certezze e tempi brevi» I capigruppo di minoranza chiedono che la Pro Recco si attivi come stazione appaltante per rimettere l’impianto in piena efficienza recco: interpellanza di buccilli e siri, sarà discussa nel prossimo consi

Il Secolo XIX - e.m.

ReccoBen venga la Finale di Coppa dei Campioni, ma è soprattutto sui lavori per il ripristino totale dell'impianto di Punta Sant'Anna che occorrono certezze e tempi brevi. È la posizione delle minoranze consiliari, che hanno presentato una dettagliata interpellanza, che verrà discussa nella prossima seduta. Nel chiedere al sindaco Carlo Gandolfo e all'assesore ai Lavori pubblici Caterina Peragallo di «conoscere quali iniziative abbiano intrapreso nei confronti della società Pro Recco affinché si attivi come stazione appaltante dei lavori pubblici finalizzati alla realizzazione dell'intervento di manutenzione straordinaria e valorizzazione del cespite demaniale sito in Punta Sant'Anna», i capigruppo di minoranza Gianluca Buccilli e Sergio Siri ritrovano anche quella compattezza che era già emersa sul caso Sprar. In particolare nell'interrogazione, si ricorda che in data 29 novembre 2018 era stato espresso parere favorevole alla fattibilità tecnica e amministrativa con riguardo al progetto presentato dalla Pro Recco e trasmesso alla società l'attestato di validazione del progetto e soprattutto «che da quella data la società è nella condizione di provvedere ad adempiere all'obbligo che da anni ricade su di lei in ragione di quanto stabilito a norma della convenzione sottoscritta dalle parti nell'anno 2009». In un ulteriore comunicato lo stesso Buccilli fa notare che in ordine alla piscina di Punta Sant'Anna vanno distinti la rimessa in piena efficienza dell'impianto e l'organizzazione della fase finale della Champions League. «Visto l'approssimarsi della scadenza della concessione (31 dicembre 2020) la Pro Recco deve attivarsi come stazione appaltante dei lavori finalizzati alla manutenzione straordinaria; nel farlo, è vincolata a osservare la normativa europea in materia di affidamento di lavori pubblici. Appartiene ad un'altra "categoria dello spirito" l'organizzazione, sempre da parte di Pro Recco, della fase finale dell'edizione 2020 della Champions League e condivido la speranza che questa eventualità si materializzi». --e.m.