scarica l'app
MENU
Chiudi
01/09/2020

L’architetto può essere nominato direttore operativo

Il Sole 24 Ore

Libere professioni / A cura di Alessandra Pacchioni / [1850]
Sono un architetto. Per una pubblica amministrazione, al fine di realizzare una strada con fogna e acquedotto, devo svolgere l'incarico di direttore operativo (ex articolo 149 del Dpr 207/2010), figura che collabora con il direttore dei lavori nel verificare le lavorazioni stradali/ idrauliche, assiste il direttore lavori stesso nell'identificare gli interventi per eliminare difetti progettuali di opere stradali/idrauliche, esamina il programma delle prove di collaudo e messa in servizio degli impianti idraulici eccetera. In materia il regio decreto 2537/1925, all'articolo 51, stabilisce che sono di pertinenza esclusiva degli ingegneri il progetto, la condotta e la stima dei lavori relativi alle vie e ai mezzi di trasporto, di deflusso e di comunicazione eccetera; vi è giurisprudenza che conferma tale pertinenza esclusiva degli ingegneri. Posso svolgere l'incarico di direttore operativo per questa costruzione stradale/idraulica, e sulla scorta di quale norma, sentenza o circolare? G.L. - NAPOLI Si ritiene di dare risposta positiva, dal momento che solo per la funzione di direttore dei lavori di opere stradali e idrauliche la competenza degli ingegneri risulta essere esclusiva. A norma dell'articolo 101, comma 2, del Codice degli appalti, Dlgs 50 del 18 aprile 2016, il direttore dei lavori «può essere coadiuvato, in relazione alla complessità dell'intervento, da uno o più direttori operativi e da ispettori di cantiere». Come previsto nella delibera Anac 1021 dell'11 ottobre 2017, questi soggetti «devono essere dotati di adeguata competenza e professionalità in relazione alla tipologia di lavori da eseguire. In tal caso, si avrà la costituzione di un "ufficio di direzione dei lavori" ai sensi dell'articolo 101, comma 3, del Codice. I direttori operativi e gli ispettori di cantiere collaborano con il direttore dei lavori nel vigilare sulla corretta esecuzione dei lavori. Il direttore dei lavori individua le attività da delegare ai direttori operativi e agli ispettori di cantiere, definendone il programma e coordinandone l'attività. In particolare, i direttori operativi possono svolgere le funzioni individuate al comma 4, dell'articolo 101, e gli ispettori di cantiere le funzioni individuate al comma 5 dello stesso articolo». Nel rispetto di questi limiti, si ritiene quindi che anche un architetto possa essere considerato dotato di adeguata competenza e professionalità e nominato direttore operativo. In questa veste risponderà al direttore lavori, in ragione di un rapporto di subordinazione, delle attività poste in essere.