scarica l'app
MENU
Chiudi
14/03/2020

La Xylella continua a colpire altri 58 ulivi sono stati infettati

La Repubblica - red.eco.

Il caso
La denuncia di Coldiretti Puglia sulla base dei risultati delle analisi effettuate sui campioni La richiesta di accelerare gli espianti per dare supporto concreto alle misure di contenimento
Continua ad infettare ulivi la Xylella fastidiosa in Puglia, con altre 58 nuove piante positive, di cui 56 olivi e 2 mandorli nelle province di Taranto e Brindisi. Lo rende noto Coldiretti Puglia sulla base dei risultati delle analisi effettuate sui campioni prelevati nel corso dell'VIII aggiornamento del monitoraggio delle piante colpite da Xylella e resi noti da Infoxylella.
I casi positivi sono stati conclamati nelle province di Brindisi, di cui 2 mandorli e 21 ulivi ad Ostutni e 8 a Ceglie Messapica, mentre in provincia di Taranto sono risultati infetti 12 ulivi a Crispiano, 8 a Montemesola, 7 a Monteiasi e 2 in agro di Taranto. "Gli agricoltori vivono un periodo di forte criticita', tra l'avanzata della Xylella e le crisi di mercato causate dall'emergenza Coronavirus. E' evidente l'urgenza di procedere con tempestivita' agli espianti delle piante infette per estinguere i focolai e arginare la progressione della malattia che continua ad avanzare", dice Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.
"Determinante l'attivita' di monitoraggio per controllare e cercare di fermare il piu' possibile l'avanzata della malattia, scongiurando al contempo l'ennesima procedura di infrazione comunitaria. Per effetto dei cambiamenti climatici e della globalizzazione si moltiplica l'arrivo di materiale vegetale infetto e parassiti vari che provato stragi nelle coltivazioni e per questo serve un cambio di passo nelle misure di prevenzione e di intervento sia a livello comunitario che nazionale anche con l'avvio di una apposita task force", aggiunge Muraglia.
Per accelerare gli espianti, al fine di dare supporto concreto alle misure di contenimento imposte dalla Comunita' europea - prosegue Coldiretti Puglia - potrebbero essere proprio le imprese agricole, in possesso di requisiti e attrezzature specifiche, a poter svolgere le attivita' di espianto, funzionali al contenimento della malattia, alla salvaguardia del paesaggio agrario e forestale, alla cura e al mantenimento dell'assetto idrogeologico, attraverso la costituzione di un apposito elenco in deroga al codice degli appalti.
"Al contempo il sistema dei monitoraggi e dei campionamenti va potenziato perche' ancora oggi si basa principalmente su analisi visiva di ulivi troppo spesso asintomatici", ha aggiunto il direttore di Coldiretti Puglia, Pietro Piccioni.
"Monitoraggi e campionamenti, considerato che non esiste ancora una cura per la batteriosi restano l'unica soluzione per ridurre la velocita' di avanzamento della infezione. L'efficacia e sistematicita' sono garanzia per le aree indenni della Puglia e delle regioni limitrofe e non vanno messe in alcun modo in discussione. Va rifinanziata nel 2020 l'attivita' di monitoraggio dell'insetto vettore - ha aggiunto Piccioni - strumento essenziale per tracciare il percorso e lo stato di avanzamento degli stadi di vita della 'sputacchina' e rendere maggiormente efficaci le 'buone prassi' in agricoltura".
-
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: kEmergenza Continua ad aumentare il numero di alberi colpiti