scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
11/02/2021

La svolta “verde” del Comune: colonnine e prima auto elettrica

Messaggero Veneto - mi.bi.

cordenons
cordenonsIl Comune si prepara alla svolta "verde", cominciando dall'arrivo della prima automobile elettrica del parco macchine. È già stata ordinata e arriverà verso fine mese. Si tratta di una Renault Zoe Intens R110 grigio chiaro in coppia con la relativa stazione di ricarica. L'investimento è di 21.371 euro. La nuova auto sarà utilizzata prevalentemente dal personale comunale, nonché da sindaco e assessori per gli spostamenti istituzionali, e prenderà il posto di un'auto già datata che sarà rottamata. In questo modo l'amministrazione Delle Vedove darà inizio a un percorso di sostenibilità ecologica dei mezzi comunali, in vista di dare una spinta a breve anche alla mobilità sostenibile sul territorio comunale. Questo avverrà con la pubblicazione di un bando pubblico per l'installazione e la gestione di minimo nove colonnine elettriche, le prime del territorio. La pubblicazione del bando avverrà dopo l'approvazione in consiglio comunale del regolamento del Canone unico, che è uno degli atti preparatori al bilancio previsionale 2021 che va approvato entro il 31 marzo. Si tratta del canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria che dal primo gennaio di quest'anno riunisce in una sola forma di prelievo le entrate relative all'occupazione di aree pubbliche e alla diffusione di messaggi pubblicitari. Dell'arrivo delle colonnine elettriche e mobilità "verde" a Cordenons si parla dal 2018. La questione è andata a rilento a causa della complessa gestione relativa proprio alla tassa di occupazione del suolo pubblico da far pagare al futuro gestore, argomento che nel caso delle colonnine non era normato. A risolvere la situazione ci ha pensato il legislatore, a settembre, disciplinando la realizzazione di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici in apposite aree di sosta, sia aperte al pubblico che in aree private. La legge prevede, tra gli altri aspetti, la facoltà dei Comuni di concedere la riduzione o l'esenzione del canone unico per i punti di ricarica, stabilendo al contempo anche i criteri per il calcolo dell'eventuale canone. La nuova normativa ha di fatto superato le vecchie convenzioni. A Cordenons, in particolare, nel 2018 la giunta ne aveva sottoscritto una con Enel X Mobility , ma non aveva fatto seguire la sottoscrizione proprio per gli insorti dubbi normatavi. L'ente procederà quindi con un bando pubblico aperto a tutti. «Gli uffici stanno perfezionando il bando per l'installazione e gestione delle prime colonnine che arriveranno sul territorio quest'anno - dice l'assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Netto -. Il bando sarà pubblicato non appena approvato in consiglio il regolamento del Canone unico. Il legislatore ha colmato le lacune e ora diventa possibile proseguire con il bando senza rischiare di incorrere in errori. Su quale sarà il canone ci stiamo ragionando».-mi.bi.© RIPRODUZIONE RISERVATA