scarica l'app
MENU
Chiudi
10/09/2020

La seconda classificata La diffida di Rti

La Gazzetta Del Mezzogiorno

Dopo mesi di contenzioso che hanno notevolmente allungato i tempi di realizzazione, nel giorno della stipula del contratto per dare il via ai lavori, nuovo imprevisto. Arriva, infatti, la diffida della Rti Research, la seconda classificata, a sospendere la sottoscrizione del contratto ed a disporre alcune verifiche già chieste. Ci sarebbe una diffida già presentata lo scorso 29 luglio, ma - dice per conto della rete di imprese l ' avv. Pietro Quinto - " rimasta senza riscontro " . La notizia della sottoscrizione del contratto di appalto con l ' Ati Debar per ieri avrebbe pertanto sorpreso non poco le altre imprese in quanto, " in ragione delle prescrizioni imposte dalla Asl e dal Comune di Taranto, occorreva - afferma il legale - da parte della stazione appaltante una nuova valutazione sulla congruità sotto il profilo temporale dell ' offer ta Debar. Non risulta che tale verifica sia stata svolta " . Nel mirino non solo la congruità dei tempi proposti per realizzare l ' opera. Risulterebbe - secondo l ' accusa - " omes sa " anche la verifica della " corret tezza contributiva continuativa di tutti i componenti dell ' Ati, per tutto l ' arco temporale che intercorre dalla presentazione dell ' offerta e fino alla data odierna " . Una verifica richiesta anche dal Consiglio di Stato. Ma anche in questo caso, " non risulta - scrive il legale delle imprese - che all ' Inps, all ' Inail e ad Inarcassa sia pervenuta una domanda di verifica in tal senso da parte della stazione appaltante, che abbia interessato tutte le associate, le cooptate, i subappaltatori, le imprese ausiliarie, nonché i progettisti " .