scarica l'app
MENU
Chiudi
25/06/2019

La rotonda di via Melzi Non si gira più a vuoto

La Prealpina

20
VIABILITÀ Progetto al palo da dieci anni: il bando è pronto Al via i lavori di una struttura s t ra t e g i c a per la viabilità Le opere saranno concluse prima dell ' inizio delle scuole
TRADATE - Si parte, questa volta per davvero. Il bando per la rotonda di via Melzi è pronto. Alleluja. L ' opera è ferma da oltre dieci anni. Un ' opera infinita e anche incompiuta che finalmente ha imboccato, è il caso di dirlo, la strada verso la meta. I costi stimati ammontano ad alcune decine di migliaia di euro (la cifra complessiva sarà resa nota al termine dei lavori) ma il lato economico, pur da tenere in grande considerazione, è secondario rispetto alla trafila che questa rotonda ha seguito in oltre un decennio. Fu l ' allora assessore Livio Bianchi, al quale il sindaco Stefano Candiani aveva affidato la delega ai lavori pubblici, a tracciarne il perimetro. Sembrava che tutto dovesse risolversi nel breve spazio di quale mese mentre a giugno inoltrato del 2019 arriva il bando con il quale si possono avviare i lavori. La scelta è stata quella di attendere la fine dell ' anno scolastico per dar corso a un iter che deve necessariamente concludersi entro la prima decade di settembre. Questa rotonda, infatti, è funzionale anche alle scuole perché è collocata sul percorso che i pullman compiono ogni giorno negli orari di apertura e chiusura delle scuole, soprattutto le scuole superiori che hanno sede in via Gramsci. L ' altro aspetto è quello di migliorare comunque il traffico nel vero centro storico cittadino, quello che comprende il castello ora di proprietà delle scuole Canossiano e il cosiddetto Castello Stroppa poi passato, con un contestato referendum popolare nella seconda metà degli anni ' 40 del secolo scorso, ai Pavoniani. Ma soprattutto è una zona che raccoglie e smista il traffico che si inoltra nelle strade della Pineta e collega la Svizzera e il Comasco. I lavori possono ora iniziare anche perché il grande cantiere che ha interessato via Santo Stefano, piazza Braschi e la stessa via Melzi è concluso. Anche in questo caso sono stati eseguiti lavori che hanno completamente rinnovato i servizi " interrati " come la rete fognaria piuttosto che le linee telefoniche e dell ' acquedotto. Complessivamente i lavori per il rinnovo delle reti ammonta a oltre 600mila euro. Per creare lo spazio alla rotonda è stato necessario anche abbattere parte di vecchi stabili un tempo adibite a cascine molto diffuse in città (non a caso uno degli storici rioni cittadini si chiama rione Cascine anche se la rotonda in questione si trova nel cuore del rione Barnasc). Fra l ' altro questa zona del centro storico ospitava anche noti locali ormai scomparsi come " Il fiasco " di via Melzi e il " Bar Mulino " . Una trasformazione avvenuta nel corso del tempo cominciata proprio con la costruzione delle nuove scuole superiori di via Gramsci che tanto hanno dato alla città ma nel momento in cui sono state realizzate avevano sollevato discussioni e polemiche proprio per il sito scelto, ossia un luogo in mezzi ai boschi e complicatissimo di collegare al resto del territorio. Ma con la nuova riorganizzazione del traffico si dovrebbe mettere un punto esclamativo a una vicenda che si è trascinata per troppo tempo. Silvio Peron © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Verso la conclusione la " telenovela " della rotonda di via Melzi (foto Blitz)