MENU
Chiudi
31/08/2018

«La rassegna si farà»

QN - Il Giorno

- MORBEGNO - C'È PREOCCUPAZIONE per «Morbegno in cantina», al via tra meno di un mese, ma il sindaco Andrea Ruggeri rassicura: «Sono certo che la manifestazione si svolgerà regolarmente». Nelle scorse settimane la ditta «I ferrovieri Srl» di Mantova, che non era stata ammessa alla gara per organizzare l'evento, ha sollevato delle presunte irregolarità nell'aggiudicazione dell'appalto, vinto dal Consorzio turistico di Morbegno, che fa capo al Comune. Così la Giunta morbegnese nei giorni scorsi ha conferito all'avvocato Francesco Venosta di Sondrio «specifico incarico professionale per lo svolgimento di ogni occorrente attività idonea a valutare la fattispecie in premessa descritta, così da consentire a questi uffici di pervenire alla chiusura del procedimento avviato in data 10 agosto 2018 con piena cognizione e attenta valutazione di ogni aspetto». Pare che nella domanda per gestire l'importante manifestazione, quest'anno e il prossimo, siano stati omessi i precedenti penali del presidente del Consorzio, Giandiego Amira, che, nel febbraio 2014, aveva patteggiato una condanna al pagamento di 7mila euro di multa per aver rubato dei cellulari sul posto di lavoro e averli poi rivenduti su internet. «Non sono stati indicati perché non si tratta di reati che il codice degli appalti ritiene in conflitto con l'interazione con la pubblica amministrazione - spiega il sindaco Ruggeri -. L'avvocato Venosta sta facendo tutti gli accertamenti, siamo certi che non ci siano irregolarità la manifestazione si svolgerà regolarmente». Da quanto abbiamo saputo, il legale ora presenterà una relazione. A quel punto, però, la società mantovana potrebbe in ogni caso presentare ricorso al Tar, e a quel punto la situazione si complicherebbe perché, in attesa di una decisione, che probabilmente sarebbe comunque a favore del Consorzio e del Comune, l'evento sarebbe a rischio. «Siamo preoccupati - commenta il capogruppo di minoranza, Paolo Ronconi - perché si tratta di una manifestazione importantissima, ma tutti gli anni c'è qualche problema. Non entro nel merito di valutazioni sulla persona del presidente e sul suo passato, ma mi chiedo quantomeno se la sua nomina sia stata politicamente opportuna. Noi siamo sempre stati contrari alla creazione di un secondo consorzio. E ora faremo le valutazioni del caso». Susanna Zambon © RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore