scarica l'app
MENU
Chiudi
03/06/2020

La querelle senza fine della videosorveglianza Slitta ancora il bando

La Stampa - STEFANIA ZORIO

biella attende le nuove telecamere
Lockdown e altre questioni avevano sospeso la gara Moscarola: "Speriamo di risolvere al più presto"
BIELLA Per il nuovo sistema di videosorveglianza milionario Biella dovrà ancora aspettare. Dopo un anno e più di lavoro da parte degli uffici, a fine gennaio era stato pubblicato il bando che, però, era stato poi messo in stand-by per l'emergenza coronavirus, con l'impossibilità di fare i sopralluoghi da parte delle ditte interessate. Nelle ultime settimane è invece stato addirittura tolto dalla piattaforma di Asmel, che si occupa di gestire la gara. A mettere il bastone tra le ruote ai progetti dell'amministrazione è stata una discussione tra la stessa Asmel e Anac, che però sembra essersi sistemata: il Comune spera ora che al più presto il bando torni a essere pubblicato. Al momento della pubblicazione a fine gennaio, il termine per il ricevimento delle domande di partecipazione era stato fissato al 2 marzo, mentre l'apertura delle buste era in agenda l'11 marzo. Ma a oggi i tempi non si conoscono. «Il ritardo non dipende da noi - commenta l'assessore alla Sicurezza, Giacomo Moscarola - anche perché è nostro interesse avere delle telecamere che funzionino, e oggi purtroppo ci sono difficoltà nella gestione. Ci hanno detto che il problema dovrebbe essersi risolto, ora speriamo che il bando torni a disposizione e di chiudere presto questa faccenda». Il nuovo bando prevede una formula di noleggio decennale della strumentazione, con telecamere di ultima generazione e un impegno spalmato nel decennio di 1 milione 537 mila euro. Verranno installate sul territorio un minimo di 58 telecamere, con possibilità di incremento. Nel dettaglio, 21 apparecchi sostituiranno quelli vecchi, altri 10 avranno un nuovo spazio, 11 troveranno posto negli edifici pubblici, 9 nei varchi Ztl e 7 telecamere di ultima generazione saranno piazzate agli accessi della città. Tutte saranno gestite da un unico software e la centrale operativa di controllo sarà negli uffici della polizia locale, in Questura e al Comando dei Carabinieri. Inoltre saranno aggiunte nel pacchetto 10 «Body cam» per la tutela degli agenti di polizia locale in servizio. - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Le telecamere controlleranno anche i varchi della Ztl