scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
21/07/2021

La Provincia cala il tris Nuovo ponte più vicino

QN - La Nazione

LUCCA Tre "sfidanti" per realizzare il nuovo ponte sul Serchio, l'infrastruttura che dovrà collegare la strada provinciale Francigena 1 (via di Camaiore) con la statale 12 del Brennero. Sono tre le imprese costruttrici - tutte italiane - che hanno presentato altrettante offerte al bando di gara indetto dalla Provincia di Lucca per l'appalto che assegnerà i lavori di realizzazione del nuovo ponte sul fiume Serchio, una delle opere in assoluto più attese anche in termini di anni trascorsi dal primo annuncio. Forse ora ci siamo davvero. La Provincia informa che come da termini del bando di gara internazionale ieri si è svolta, in seduta pubblica, l'apertura delle 'buste' inviate dalle ditte interessate attraverso 'Start', la piattaforma regionale che consente di svolgere gare e fare affidamenti in modalità interamente telematica. Ditte che avevano tempo fino a venerdì scorso (16 luglio) per presentare le loro offerte. Le imprese in questione sono: "Infratech scarl" di Milano; "Preve spa" di Cuneo; "Conpat Scarl" di Roma. Su queste ditte si è svolta ieri mattina, a seguito dell'apertura delle buste, una prima verifica della documentazione amministrativa da parte del delegato del Rup (Responsabile unico del procedimento) architetto Francesca Lazzari, dottor Luigi De Angelis dirigente dell'Ufficio Gare dalla Provincia. La verifica si è conclusa con l'ammissione di tutti gli offerenti. Nei prossimi giorni, quindi, trattandosi di una gara che adotta il criterio dell'Offerta economicamente più vantaggiosa (Oepv), verrà nominata la Commissione giudicatrice che, una volta ultimate tutte le verifiche formali, le valutazioni e compiuta la conseguente attribuzione dei punteggi sulle offerte tecniche delle ditte in questione, procederà ad aprire le offerte economiche e ad aggiudicare i lavori di realizzazione del ponte sul Serchio. Palazzo Ducale ricorda che il quadro economico aggiornato del nuovo ponte (al rialzo, il prezzo nel tempo delle attese è cresciuto) è di 19.700.000 euro complessivi: finanziati per 14 milioni e 450mila euro dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti; per 550mila euro dalla Regione Toscana; per 4milioni e 700.000 euro dalla Provincia di Lucca mediante due mutui contratti con la Cassa depositi e prestiti. Il progetto vincitore della nuova opera pubblica è stato vinto dallo studio ITEC di Sarzana in collaborazione con gli architetti Lucchesi e Mencacci e il Geologo Buchignani di Lucca. Ai progettisti sono stati poi affidati (come previsto nel bando) sia lo studio di verifica di impatto ambientale (VIA) sia la progettazione definitiva. © RIPRODUZIONE RISERVATA