MENU
Chiudi
06/08/2018

La Provincia attacca: richiami alla Toto già dal mese di aprile

Gazzetta di Mantova

Morselli: no a strumentalizzazioni sui ritardi al cantiere Noi trasparenti, forse è il sindaco Badalotti che non ha capito il ponte di san benedetto po
Francesco Romani / bagnolo«L'appalto del ponte di San Benedetto è supportato, come anche il sindaco di Bagnolo e i consiglieri regionali dovrebbero sapere, da atti pubblici che possono essere richiesti da chiunque. Non abbiamo nascosto nulla a nessuno e se la Badalotti dice che "non ce l'hanno raccontata giusta", forse è lei non ha capito bene la questione». Replica durissima del presidente della Provincia Beniamino Morselli dopo l'assemblea pubblica nella quale è stata annunciato la riapertura, concordata con la Provincia, di via Molinara, la strada usata per il cantiere del ponte, oggi sospeso. «L'appalto del ponte è stato gestito in pieno accordo da Provincia, Regione e i Comuni di Bagnolo e San Benedetto, basta guardare i verbali delle conferenze di servizio, ed ha passato il vaglio anche di una sentenza del Tar», aggiunge Morselli, che spiega come la Provincia stia gestendo la situazione complessa che si è venuta a creare sulla scorta di quanto stabiliscono la legge e il nuovo codice degli appalti. «Stiamo monitorando quanto sta avvenendo: da fine marzo si sono notati rallentamenti nelle lavorazioni ed il 16 aprile è stata inviata una prima contestazione alla ditta, seguita da una seconda ad inizio luglio. La Toto ha dato rassicurazioni scritte che non è riuscita poi ad onorare. Quindi la Provincia ha inviato una terza contestazione ed ha convocato l'azienda per il 2 agosto scorso. In tale incontro la ditta ha preso nuovi stringenti impegni che trasmetterà per Pec entro lunedì 6 agosto (oggi, ndr)».Una delle motivazioni addotte dalla Toto spa per i ritardi sono i mancati pagamenti di crediti derivanti da lavori eseguiti per conto dello Stato. «Auspichiamo che questa situazione possa sbloccarsi rapidamente - prosegue il presidente - Siamo sempre stati disponibile al confronto, e il prossimo incontro con i due sindaci lo sta a dimostrare. Quello che la Provincia non può accettare è la mistificazione della realtà, la cultura del sospetto. E se qualcuno sta pensando ad alleanze per le amministrative del 2019, si accomodi, ma non usi la Provincia e i lavori sul ponte come scusante ». Sul tema interviene anche il consigliere regionale Pd Antonella Forattini: «Il sindaco Badalotti ripassi il codice degli appalti e non solo, vista la discutibile amministrazione del suo Comune. La mistificazione della realtà, utile in periodo elettorale, non compensa la totale assenza di programmazione. Per quanto riguarda i consiglieri regionali coinvolti, pensino ad aiutare il territorio nella sua interezza e non a mettere in difficoltà le amministrazioni di colore diverso». -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore