scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
04/02/2021

La nuova illuminazione stoppata da un ricorso

QN - Il Giorno

L'appalto
LISSONE La nuova illuminazione per ora resta al palo. L'aggiudicazione del nuovo appalto per la gestione di tutti gli impianti della luce lungo strade e luoghi pubblici della città rimane al momento congelata: il Consiglio di Stato ha infatti accolto la richiesta di sospensiva presentata da una delle aziende che avevano partecipato alla gara bandita dalla Centrale unica di committenza della Provincia per conto del Comune, bloccando di fatto, almeno fino a metà maggio, l'iter di un progetto che prevede il rifacimento completo dell'illuminazione sul territorio, con la sostituzione di gran parte degli attuali pali con luci a led più efficienti e meno onerose. A essere cambiati sarebbero quasi 5mila pali, per garantire più visibilità e sicurezza, ma tutto adesso è in stand-by. Tanto che l'Amministrazione, per tamponare la situazione e assicurare comunque le riparazioni di emergenza, sta preparando un servizio di pronto intervento temporaneo. «Il Consiglio di Stato ha sospeso l'esecutività dell'assegnazione del bando - spiegano dal municipio - e ha fissato l'udienza per la discussione del ricorso nel merito al 13 maggio, a cui farà seguito la sentenza definitiva, con la conseguente aggiudicazione del servizio, o un'ulteriore fase di verifica». Intanto il Comune sta approntando una soluzione-ponte. «Per ovviare ai possibili ritardi nel processo di efficientamento degli impianti di illuminazione - annunciano dall'Amministrazione - valuteremo da questo mese l'attivazione di un servizio di pronto intervento a cui i cittadini potranno rivolgersi per segnalare guasti o malfunzionamenti», come lampade spente o strade totalmente al buio. L'intenzione è affidare a figure specializzate la manutenzione ordinaria e straordinaria delle luci, finché non si sbloccherà l'assegnazione dell'appalto. «Il ricorso al Tar e il successivo grado di giudizio davanti al Consiglio di Stato stanno purtroppo ritardando il via ai lavori per la riqualificazione dell'illuminazione - sottolineano la sindaca Concetta Monguzzi e l'assessore ai Lavori pubblici Marino Nava -. Ritardi che non sono direttamente dipendenti dall'Amministrazione: il Comune ha agito in maniera limpida e trasparente, affidando l'aggiudicazione del bando alla Cuc della Provincia. Lo stop attuale non è quindi in alcun modo riconducibile al Comune, che si trova in una situazione di stallo indipendente dalla sua volontà». Fabio Luongo Restauro Villa Reati Pubblicato il bando
LAVORI

LISSONE Si fa più vicino il restauro di Villa Reati, l'edificio cinquecentesco fra i maggiori beni della città. Il Comune ha attivato ieri il bando per affidare i lavori di risanamento conservativo: dovranno essere realizzati in 180 giorni con rifacimento di tetto, intonaci delle facciate esterne, isolamento delle pareti e restyling del cortile.